Non un semplice park assistant o un sensore per aiutarsi a muoversi nel traffico, ma un vero e proprio pilota automatico in stile Supercar (titolo italiano del celebre telefilm con David Hasselhoff) che in un futuro non troppo lontano vi permetterà di lasciare all’auto i compiti più gravosi – come parcheggiare o muoversi incolonnati nel traffico – lasciandovi esclusivamente il piacere della guida. Quella che può essere definita una vera e propria rivoluzione del settore a quattro ruote è stata presentata da Audi al Consumer Electronics Show, la fiera dell’elettronica di consumo che si concluderà oggi a Las Vegas. Novità dal Ces 2013
Nel corso della rassegna californiana il marchio tedesco ha presentato tutte le tendenze nel campo dell’elettronica del prossimo decennio concentrandosi in particolare sull'interconnessione tra l'auto e l'ambiente circostante, sia nel campo della futura guida pilotata sia in quello della comunicazione mobile. Secondo Audi le auto del domani assisteranno il conducente, quando e se lo vorrà. La guida pilotata diventerà realtà nell’attuale decennio. In una tipica situazione di ingorgo, negli incolonnamenti a velocità fino a 60 km/h, il sistema di guida pilotata presentato da Audi aiuta il conducente a sterzare, entro determinati limiti. Inoltre, il veicolo accelera e rallenta automaticamente. Con l'ausilio della guida pilotata in futuro il veicolo eseguirà autonomamente anche le manovre di parcheggio, sia in entrata sia in uscita, per esempio in spazi ridotti presenti al margine della strada, nei garage e persino all'interno di autosili.
“Nell'ultimo decennio abbiamo creato una rete di interconnessioni interna al veicolo”, afferma Ricky Hudi, responsabile Sviluppo componentistica elettronica ed elettrica di Audi. “In questo decennio, all'insegna del concetto racchiuso nel nome ‘Audi connect’, intendiamo collegare il veicolo al mondo esterno, creando una rete che coinvolga il conducente, internet, le infrastrutture e gli altri veicoli”.