BusinessPeople

Auto: la rivoluzione dovrà attendere

Auto: la rivoluzione dovrà attendere Torna a Auto del futuro prepariamoci 2030
Mercoledì, 22 Aprile 2020

Le previsioni di Michael Ramsey di Gartner 

Michael Ramsey di Gartner

Perché limitare i propri orizzonti ai prossimi dieci anni? Uno che se ne intende come Michael Ramsey, esperto di mobilità intelligente della multinazionale Gartner, fissa al 2040 la data della vera rivoluzione. Certo, il suo è uno scenario da day after motoristico, ma chi anche solo nel 2000 avrebbe previsto in tutta la sua invasività la svolta degli smartphone? 

Partiamo da una domanda che è sulla bocca di tutti: i motori diesel hanno un futuro?
No, tra 20 anni saranno quasi estinti, ma non andrà meglio per quelli a benzina. Il futuro è elettrico quasi al 100%. 

Sì, ma saranno auto più costose di quelle attuali… 
Che quasi nessuno dovrà acquistare. Nelle città dominerà il car sharing, mentre i pendolari useranno sempre di più le possibilità offerte dai sistemi di mobilità condivisa. Ciò che viaggia su quattro ruote non sarà più un bene, ma un servizio. 

E il piacere di possedere un gioiello della tecnologia? 
Resterà, ma sarà uno status symbol riservato a pochi cultori del lusso, assai ben dotati dal punto di vista economico. 

Quali saranno gli optional più innovativi che potremo scegliere? 
I sistemi biometrici al posto di chiavi e telecomandi, i comandi vocali e quelli a gesti e sistemi di infotainment capaci di gestire a distanza anche molte funzioni della casa. 

E il problema dei parcheggi? 
Definitivamente archiviato. Una volta portati a destinazione i passeggeri, l’auto si ritirerà automaticamente alla più vicina stazione di ricarica in attesa di essere richiamata per riportarli a casa. Oppure, se le daremo il permesso, continuerà il suo viaggio per entrare nel circuito dal car sharing. 

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2020 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media