Per l'uscita della nuova Giulia, Alfa Romeo ha deciso di cambiare proprio tutto, anche il suo simbolo. Non parliamo di un vero e proprio stravolgimento, anzi, possiamo definirlo un vero e proprio restyling. La croce di colore rosso, il Biscione verde e la scritta Alfa Romeo spiccheranno ancora in giro per l'Italia e per il mondo,, su quello potete stare tranquilli. Nulla a che vedere dunque con quello che è stato fatto al brand Lancia, "spogliato" di quelli che erano i richiami alla storia. Finalmente, grazie a Giulia, si è modernizzato un logo che ormai aveva fatto il suo tempo. Ora è bellissimo, più nitido, più moderno e a prima vista salta molto più all'occhio. E' stata tolta la scritta dorata, ormai vintage, per dare lucentezza con un color argento davvero bellissimo. Visibilissimi sono gli stilemi classici della città di Milano, infatti, prima di trasferirsi ad Arese, la sede principale dell'Alfa Romeo era situata in zona Portello. la croce richiama il fregio del battaglione lombardo che partì per la Prima Crociata nel 1095, comandato da Ottone Visconti, antenato di quei Visconti che poi sarebbero diventati i signori di Milano. Il Biscione, simbolo di forza e potenza è stato invece "copiato" dalla Torre del Filerete, la torre più alta del Castello Sforzesco. l primo logo dell'Anonima Lombarda Fabbrica Automobili è datato 1907, anno di nascita dell'azienda, ed è una targhetta "ricamata" con motivi floreali sinuosi in pieno stile liberty. Il primo cambiamento avviene già nel 1912, quando viene adottata l'iconografia storica: appaiono la croce di colore rosso e il Biscione. Manca solo la scritta Romeo, che appare nel 1915 quando Nicola Romeo rileva la società. Dieci anni dopo, nel 1925, una corona d'alloro fa da contorno all'intero marchio e serve a celebrare la vittoria nel primo Camionato del Mondo riservato alle automobili con la P2. Rimangono i nodi sabaudi, che invece spariscono nel 1945, sostituiti da due onde, mentre spariscono i colori; o meglio restano solo il rosso del fondo e l'oro delle scritte e degli stemmi. Uno step che dura poco: già nel 1950 il classico azzurro sotto al Biscione, il fondo blu sotto la scritta Alfa Romeo e il bianco sotto la croce tornano protagonisti. Nel 1960 si assottiglia la corona d'alloro, mentre acquisiscono spessore le scritte Alfa Romeo in alto e Milano in basso. Proprio quest'ultima, però, è destinata a sparire (e a non riapparire più, almeno per ora) a partire dal 1972 - forse per l'espansione sempre più a sud degli stabilimenti - mentre il font delle scritte diventa più moderno e sparisce il trattino fra Alfa e Romeo. L'ultimo step, prima di quello del 2015, è datato 1982: sparisce del tutto la corona d'alloro, che era ormai solo simbolica, l'azzurro su cui campeggia il Biscione diventa più chiaro e i caratteri tornano di colore dorato.