Alfa Romeo 4C

La versione definitiva della 4C si è avvalsa nello sviluppo delle migliori competenze tecnico-industriali dei marchi Alfa Romeo e Maserati

Sarà il prossimo Salone internazionale di Ginevra – in programma dal 7 al 17 marzo – a battezzare la versione definitiva dell’Alfa Romeo 4C, una coupé a ‘2 posti secchi’ che sarà commercializzata nel corso di quest’anno e segnerà il ritorno del marchio negli Stati Uniti (il prezzo non è ancora stato annunciato). L’auto, una supercar compatta, che rappresenta prestazioni, stile italiano ed eccellenza tecnica del marchio Alfa, deriva direttamente dal concept presentato al Salone di Ginevra di due anni fa (immagini e video del concept).

MOTORE. Partiamo dal cuore di quest’auto, un nuovo 4 cilindri 1750 Turbo Benzina, evoluzione del propulsore già in dotazione alla versione Quadrifoglio Verde di Giulietta. A differenza della precedente versione, il nuovo motore adotta un basamento in alluminio e specifici impianti di aspirazione e scarico ottimizzati per esaltare ulteriormente la sportività della vettura. In più sono presenti soluzioni tecniche all'avanguardia quali l'iniezione diretta di benzina, il doppio variatore di fase continuo, il turbocompressore e un sistema di controllo definito "scavenging" che elimina il "turbolag". Abbinato al motore il cambio automatico a doppia frizione a secco Alfa TCT; il cambio può essere comandato anche in modalità sequenziale attraverso gli "shift paddles" posti dietro il volante. Con la nuova Alfa 4C debutta anche il nuovo selettore Alfa D.N.A. che, ai tre settaggi finora disponibili (Dynamic, Natural e All Weather) aggiunge una quarta modalità: 'Race', pensata per esaltare ulteriormente l'esperienza di guida in pista. LA SIGLA 4C

ASPETTOE DIMENSIONI. Lunga poco meno di 4 metri, larga 2, alta 118 cm e con un passo inferiore a 2,4 metri, le misure della nuova coupé Alfa mettono in risalto le doti di compattezza della vettura e ne accentuano le caratteristiche di agilità. Il design richiama immediatamente alcuni modelli iconici della tradizione che hanno lasciato un segno importante nella storia del marchio. Uno su tutti, per analogie dimensionali e di layout, è sicuramente la 33 Stradale, una vettura che coniugava le estreme esigenze meccaniche e funzionali ad uno stile essenziale che 'vestiva' adeguatamente il motore e il telaio con dei trattamenti inconfondibilmente Alfa Romeo. Anche 4C ripercorre la stessa strada e lo fa a completamento di un percorso iniziato con la 8C Competizione estremizzando alcuni concetti peculiari del marchio come la compattezza, la dinamicità e l'agilità. All’interno l’Alfa 4C si contraddistingue per i suoi materiali, nell’abitacolo spicca immediatamente la fibra di carbonio, impiegata per la realizzazione della cellula centrale, lasciata a vista per esaltare il senso di unicità, di tecnologia e leggerezza.

SALONE DI GINEVRA 2013 – LE NOVITÀ