Vino: nel futuro di Hofstätter uno spumante Trento Doc

L'azienda altoatesina Hofstätter celebre per i suoi Gewürztraminer e Pinot nero rilancia la scommessa sul Trentino. E dopo i primi 8,5 ettari rilevati nel 2017 ha appena concluso l'acquisto di altri 4,5 ettari. Le superfici aziendali arrivano così vicine ai 58 ettari di cui 13 in Trentino, 40 in Alto Adige e 4,7 in Germania sulle sponde del fiume Saar dove nel 2014 rilevò l'azienda "Dr. Fischer" specializzata in Riesling. 

Con l'operazione su Maso Michei (per la quale tra il 2017 e oggi sono stati complessivamente investiti 2 milioni di euro) Hofstätter integrerà la propria gamma di prodotti (e che vedono anche Lagrein e Pinot bianco) con Sauvignon e Müller Thurgau. "In particolare da quest'ultimo”, ha dichiarato a Il Sole 24 Ore Radiocor  il titolare Martin Foradori Hofstätter, “in futuro potremmo anche produrre uno spumante Trento Doc".

Se da un punto di vista produttivo l'azienda altoatesina non ha esitato a investire fuori della sua zona d'origine, da un punto di vista commerciale scommette quasi tutto sul mercato italiano "dove – aggiunge Foradori Hofstätter – vendiamo il 90% delle nostre 850 mila bottiglie per un giro d'affari che lo scorso anno è stato di 9,44 milioni di euro".