BusinessPeople

La leadership dell’umiltà

Torna a Razione K
Lunedì, 31 Maggio 2010

«La prima caratteristica di un leader è la determinazione: essere il migliore, raggiungere l' obiettivo, diventare il numero uno. La seconda però è proprio l' umiltà. Essere umili e non pensare che la leadership sia tutto permette agli altri di godere di una certa autorità e di comportarsi come se l' azienda fosse loro. I grandi leader vogliono un' azienda vincente, ma non pensano che la leadership sia tutto. Negli Stati Uniti vi sono aziende i cui capi si comportano come "servant leader". Tipo Southwest Airlines, una delle poche compagnie aeree americane che possano dire di guadagnare. Herb Kelleher, uno dei fondatori, è convinto che il successo della Southwest dipenda dal personale: incita i dipendenti anziché costringerli a inchinarsi alla sua autorità. Un altro esempio è la Chick-fil-A, una catena di ristoranti che ha sbaragliato la concorrenza. Il presidente, Dan Cathy, segue lo stile già adottato dal padre, Truett Cathy: la mission è "usare il talento che Dio ci ha dato per influenzare positivamente coloro che entrano in contatto con noi". Aziende come queste non solo se la cavano bene, ma sono ai primi posti dei rispettivi settori».

Kenneth Blanchard, autore del best seller “uno, due, tre… squadra!” (Sperling & Kupfer), intervistato da Enzo Riboni per il Corriere della Sera (2 febbraio 2007)

POST PRECEDENTE
POST SUCCESSIVO
LE OPINIONI
PEOPLE MOVING
LA RIVISTA
Anno XII n 11 novembre 2017
Copyright © 2017 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media