BusinessPeople

Innovation manager avanti tutta

Torna a Progetto manager
Venerdì, 19 Luglio 2019
© iStock/guvendemir

Il 10 maggio è stato approvato dal ministero dello Sviluppo economico il decreto che destina alle pmi un voucher per finanziare fino al 50% del costo dell’inserimento temporaneo, ma per un minimo di 9 mesi, in azienda di un Innovation Manager, per un massimo di 40 mila euro a impresa. L’obiettivo è chiaro. Di fatto, l’avvento del digitale e della cosiddetta economia 4.0 impone a tutte le aziende che vogliano stare sul mercato e competere al meglio di riconsiderare l’organizzazione del lavoro e il loro modello di business per poter cogliere i vantaggi dei processi di innovazione e trasformazione digitale.
Questo è il compito dell’Innovation Manager, la figura chiave per farlo. Il bisogno di far partire questa rivoluzione è ormai chiaro a tutti, tant’è che in una nostra indagine, fatta nel 2018 con AstraRicerche, il 74% dei lavoratori e il 96% dei manager italiani intervistati ha ravvisato quale driver della crescita economica la necessità di innovare in azienda e anche nell’organizzazione del lavoro. Ecco, per far scoccare questa scintilla nelle nostre aziende – in quelle tante, troppe, soprattutto pmi, che non hanno ancora abbracciato queste opportunità – serve cultura manageriale e capacità di far entrare e mettere a terra l’innovazione. L’Innovation Manager, come dice il nome stesso, deve avere ampia, recente e provata esperienza manageriale maturata in contesti che hanno sviluppato innovazione, in particolare relativamente ad alcuni ambiti chiave del digitale e dell’Industria 4.0. Particolarmente importante anche la capacità di agire come un playmaker per portare tutti i lavoratori ad abbracciare, in primis a livello culturale e di mindset, queste trasformazioni.
A questo punto la palla passa alle aziende individuate dal decreto, che potranno inviare domanda di ammissione al Mise, indicando la persona singola o la società di consulenza di cui intendono avvalersi. I manager dovranno essere scelti tra quelli accreditati negli albi o elenchi dei manager dell’innovazione istituiti in primo luogo nelle associazioni di rappresentanza dei dirigenti. Manageritalia è tra queste e in prima linea per far accadere questa unione tra managerialità e imprenditoria, anche grazie a questo finanziamento. Determinante sarà però che il sostegno, comunque limitato, serva solo da volano per far partire questo processo e creare le prime storie virtuose, che diano il la a un vero salto culturale e di gestione aziendale.

POST PRECEDENTE
POST SUCCESSIVO
LA RIVISTA
Anno XIV n 8 agosto 2019
Copyright © 2019 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media