BusinessPeople

Ode alla semplicità

Lunedì, 11 Giugno 2018
Ode alla semplicità

Le cose semplici sono anche le più apprezzabili. Lo sono talmente tanto da essere stimate da (quasi) tutti, e questo perché – essendo in sintonia con il ritmo della natura – sanno armonizzarsi con le parti di noi più profonde. Hanno un seguito così naturale che i più, furbescamente, non riuscendo a riproporne l’essenza, si accontentano delle versioni adulterate: le cose banali e quelle facili. Ovvero, quelle senza alcuna aspirazione né di originalità né di profondità, e quelle che per andare da un posto all’altro seguono il percorso più breve, ma non per questo il più profittevole in termini di risultato. Altri invece, soprattutto chi non ha la capacità e la volontà di farsi intendere, la butta – nel dubbio – sul difficile, giocando l’eterno gioco del vero e del verosimile, in un alternarsi di luci e ombre tra cui si nasconde di solito l’inadeguatezza.

Meglio il lavoro di cittadinanza

Meglio il lavoro di cittadinanza

Lunedì, 11 Giugno 2018

Immaginatevi un mondo in cui gli ultrasessantenni non potranno permettersi non una crociera o le assolate vacanze in riviera, bensì di pagare i ticket sanitari o di comprare un paio di scarpe. Immaginatevi un Paese in cui galopperà la spesa per le pensioni a fronte della proporzionale diminuzione...

Buoni manager o buoni imprenditori si nasce o si diventa?

Buoni manager o buoni imprenditori si nasce o si diventa?

Martedì, 10 Aprile 2018

Manager si nasce o si diventa? Si diventa. E imprenditori, si nasce o si diventa? Anche, rispondono molti. No, si nasce, sostengono con convinzione altri. È il resoconto di tutte le volte che mi sono trovata a fare questa domanda – banale, anzi banalissima, lo ammetto e me ne scuso con i diretti...

ARCHIVIO
  • Quel perenne déjà vu su donne e lavoro
    Quel perenne déjà vu su donne e lavoro

    Avete notato come, tra i tanti estrosi simboli presentati alle elezioni politiche, non ce ne sia stato alcuno che – oltre agli animali, alla fisica e al Sud – inneggiasse alle donne? Come mai? Viene da chiedersi. Forse, perché ormai della questione femminile non s’interessa nessuno. Neanche le donne.

  • Quel privilegio chiamato lavoro
    Quel privilegio chiamato lavoro

    In un Paese che vuol dirsi civile il lavoro non può diventare un privilegio da concedere o da ricevere. E invece lo sta diventando. Forse lo è già. Almeno nella testa di qualcuno: gli (si spera pochi) imprenditori che considerano i dipendenti dei pesi, i diritti dei quali vivono alla stregua di...

  • Young Factor
    Young Factor

    Non so voi, ma se fossi giovane, chessò una ventenne o una Millennial, non sarei contenta di esserlo. E non pensate subito male, non è il solito meccanismo della volpe e l’uva; anche perché se lo fossi non potrei fare altrimenti, ma visto che non lo sono, e riesco a guardare con sano distacco e...

  • Kevin Kelly e la svolta dei pixel
    Kevin Kelly e la svolta dei pixel

    Una mattina ti alzi, prendi il giornale (la Repubblica , nella fattispecie) e inizi a leggere un’intervista a uno che non conosci e che con la sua faccia bonariamente intelligente, sembrerebbe uno qualunque. Parla in occasione dell’uscita del suo ultimo libro (L’inevitabile ).

  • Basta con la retorica sul lavoro
    Basta con la retorica sul lavoro

    Sapete qual è l’argomento su cui si fa di gran lunga più retorica e demagogia? Il lavoro. A seguire, ma a distanza, la famiglia. Però il lavoro batte tutti… Non ce n’è per nessuno: se volete essere ascoltati in un qualsiasi consesso, inserite nel discorso un concetto sul lavoro e vi assicurerete maggiore attenzione.

LA RIVISTA
Anno XIII n 6 giugno 2018
Copyright © 2018 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media