© freeGraphicToday on Pixabay

Se da tempo l'inglese è la lingua franca per eccellenza nella comunicazione internazionale, oggigiorno è diventato di vitale importanza anche per trovare lavoro. Secondo i dati di un sondaggio condotto dalla scuola d'inglese online ABA English tra 4.600 alunni provenienti da diversi Paesi, di cui 1.400 italiani, il 94% degli intervistati italiani considera che le persone con un livello alto d’inglese abbiano migliori condizioni di lavoro in termini di retribuzione o di posizione lavorativa. In tal senso, tre intervistati su dieci pensano che con un livello più alto di inglese, percepirebbero un aumento salariale tra il 30% e il 50%. In particolare, la percentuale raggiunge il 51% per gli intervistati tra i 20 e i 44 anni. 

Più opportunità lavorative grazie all’inglese 

Qual è la reale importanza della padronanza dell'inglese nel mondo del lavoro? Come mostra questo sondaggio, il 41% degli italiani ammette di aver perso opportunità professionali – un nuovo posto o una promozione – a causa del proprio livello d’inglese. Tra gli intervistati, le persone tra i 20 e i 44 anni sono la fascia d’età che più percepisce questo problema (57%) rispetto a quelli che hanno dai 45 anni in su (34%). Di fatto ben l’80% degli intervistati riconosce di utilizzare la lingua di Shakespeare nel proprio lavoro, in particolare le persone con un’età compresa tra i 20 e i 44 anni (87%). Dato che evidenzia un aumento di 4 punti percentuali rispetto al 2017. 

 L’inglese, la lingua più ricercata 

Sono sempre di più gli addetti alle risorse umane che scrutano il curriculum alla ricerca di un livello avanzato d’inglese. Infatti, il 40% degli italiani dichiara di aver sostenuto una prova di lingua durante un colloquio, in particolare tra i 20 e i 44 anni la percentuale arriva al 60%. Allo stesso modo, il 90% degli intervistati sostiene che attualmente è richiesto un livello più elevato rispetto agli ultimi anni (77% nel 2017), un dato che rimane constante negli altri Paesi del sondaggio (Francia, Spagna, Brasile, Messico) e che evidenzia il bisogno di imparare l’inglese per adattarsi agli standard richiesti dalla società di oggi. Questa lingua è di gran lunga la più richiesta nel mondo del lavoro, secondo il 77% degli italiani. Tendenza che si riscontra anche in altri Stati del Sud Europa, come in Francia e Spagna. Spetta al Messico, Paese confinante con gli Stati Uniti, il primato, dove ben il 94% degli intervistati indica l’inglese come lingua principale per il lavoro.