©Photo by @WilsonHCG on Twitter

Johnson & Johnson si conferma per il quarto anno consecutivo l’azienda con la migliore reputazione in termini di employer branding, seguita da Salesforce e JP Morgan Chase. A rivelarlo è la quinta relazione annuale sull'impiego delle Fortune 500 pubblicata da WilsonHCG, leader globale e fornitore di soluzioni innovative per la ricerca di personale.

Lo studio stila la classifica delle migliori aziende in termini di employer branding tra le 500 maggiori imprese societarie statunitensi selezionate dalla rivista Fortune. La ricerca prende in esame oltre 17.000 indicatori organizzati in sei categorie chiave, che definiscono la capacità di attrarre candidati e offrire un ambiente di lavoro desiderabile.

Le sei categorie definiscono infine quattro aree strategiche sulla base delle quali vengono valutati e classificati i brand: Awareness e Attrazione, Reclutamento, Esperienza dei Candidati ed Esperienza dei Dipendenti.

Il Recruitment Marketing resta indietro

Il 73% delle aziende analizzate ha ottenuto meno del 50% dei punti disponibili in questa categoria, mentre 25 organizzazioni restano addirittura a zero su questo fronte. I dati di WilsonHCG parlano chiaro: i brand internazionali non riescono a sfruttare appieno i canali e le strategie di marketing finalizzate all’individuazione dei candidati perdendo quindi un’opportunità molto importante.

Stesso discorso per le attività di Responsabilità Sociale: solo il 6% delle Fortune 500 riesce a trarre vantaggio dalle proprie iniziative di CSR, dando loro visibilità tra dipendenti e potenziali candidati. L’80% delle aziende analizzate trascura invece questo aspetto, raggiungendo a malapena un terzo dei punti disponibili nella categoria.

Per i brand internazionali si tratta di un’opportunità mancata, visto che, come rivela anche il report “2018 Deloitte Global Human Capital Trends”, la Responsabilità sociale è considerata una “questione importante” dal 77% dei dipendenti.

Reputazione: un impegno quotidiano

General Electric, Wells Fargo e Facebook rientrano tra i primi 20 brand della lista Fortune 500 in materia di employer branding, nonostante le sfide reputazionali affrontate nel corso dell’ultimo anno. A determinare la scalata dei tre brand nella classifica di WilsonHCG hanno concorso gli sforzi dedicati a rivitalizzare la reputazione aziendale e mettere in campo strategie personalizzate di recruiting.

Come ricorda John Wilson, CEO di WilsonHCG, "globalmente, siamo nella fase di recruiting più competitiva della storia. Molte aziende di alto livello stanno fornendo ai candidati un'esperienza positiva e iper-personalizzata, un’esperienza che oggi diventa sempre più importante per attrarre candidati."