La grande difficoltà nel settore delle telecomunicazioni non ha risparmiato Vodafone Italia che si prepara a un taglio di 700 posti di lavoro. L’annuncio è stato dato nella serata di mercoledì 6 marzo in occasione di un incontro con i sindacati a Roma; le procedure di licenziamento collettivo, al via dal prossimo lunedì, rientrano nel piano industriale dell’azienda che in Italia – al 31 marzo 2012 – contava 7.600 dipendenti.
La difficile congiuntura, si legge in una nota dell’azienda, “rende urgente una maggiore focalizzazione organizzativa e di business” anche “per assicurare il rilancio sostenibile dell’impresa e della sua competitività sul mercato nei prossimi anni”. I 700 esuberi dovrebbero riguardare funzioni di staff e supporto, non i dipendenti a diretto contatto con il cliente.