I neolaureati in economia, ingegneria e informatica hanno una nuova opportunità di lavoro: SDA Bocconi e Microsoft Dynamics Academy hanno messo in palio 150 posti per consulenti junior in sistema Erp in sei diverse società di servizi. L’iniziativa, sviluppata nell’ambito della collaborazione tra la School of management della Bocconi e Microsoft, prevede anche per gli assunti un periodo di 5 mesi di formazione gratuita.

COME FUNZIONA. L’iniziativa si articolerà in tre edizioni, la prima delle quali partirà durante il secondo semestre del 2016 fino alla fine del 2017; e darà spazio a 51 neolaureati selezionati che, dal 24 ottobre, frequenteranno l’Academy , dove saranno addestrati con una formazioneche spazia dal management alla tecnologia, con un occhio di riguardo alla digital transformation che sta investendo il mondo delle aziende. Sono già stati resi noti i nomi delle sei imprese dove gli iscritti svolgeranno il loro tirocinio: sono Averna , Avanade , Capgemini Italia, Cegeka, MHT del Gruppo Engineering e PA Expertise del Gruppo PA. Le candidature sono aperte fino al 30 settembre, ma le selezioni cominciano da subito; per informazioni, gli interessati possono consultare il sito dedicato.

INVESTIRE IN FORMAZIONE. Come spiega Bruno Busacca, direttore di SDA Bocconi, «La SDA Bocconi – Microsoft Dynamics Academy non è semplicemente un corso di formazione ma un progetto di employability», che agisce per selezionare e formare talenti pronti da inserire nelle aziende, anche a tempo indeterminato; soddisfazione anche da parte della Divisione Piccola e Media Impresa e Partner di Microsoft Italia, che attraverso il suo direttore Vincenzo Esposito ha affermato che la collaborazione con SDA Bocconi e le aziende coinvolte «rappresenta un’occasione di formazione gratuita per i giovani e un’opportunità di lavoro presso alcuni dei migliori partner dell’ecosistema Microsoft». Con vantaggi da entrambi i lati: se, da una parte, le imprese possono selezionare talenti già preparati per affrontare le sfide del mondo del lavoro, dall’altra i neolaureati approfittano di una formazione a tutto tondo e svolgono un periodo di tirocinio che dà loro la certezza dell’assunzione. Il tutto nell’ottica dell’addestramento di professionalità in grado di sostenere la competitività aziendale italiana, cogliendo e sfruttando adeguatamente le opportunità che le nuove tecnologie riservano, e dando un’importante risposta al mondo del lavoro, afflitto da una disoccupazione giovanile che tocca la soglia del 38%.