Foto dal profilo Twitter di Andkronos

Nutella, TicTac, KinderSorpresa. Il minimo comune denominatore di questi tre prodotti di enorme successo, in Italia come nel mondo? Ovviamente, l’azienda produttrice, Ferrero, leader nel settore alimentare e dolciario, e protagonista di lanci di enorme successo ormai da parecchi decenni. E in cui lavorare è davvero un piacere, almeno a giudicare dall’ultimo risultato ottenuto dall’impresa, che ha infatti appena vinto la quinta edizione del RandstadAward, riconoscimento pensato per premiare l’ambiente lavorativo più apprezzato dai dipendenti, anno dopo anno.

L’INDAGINE. Randstad, secondo player al mondo nei servizi per le risorse umane, ha assegnato il premio a Milano, sulla base dei risultati della più grande indagine globale sull'employer branding; lo studio ha misurato il livello di attrattivitàpercepita delle aziende da parte dei possibili dipendenti che dichiarano di conoscerle, ovvero quanto e per quali fattori i brand sono capaci di attirare chi cerca lavoro o vuole cambiarlo. In Italia gli intervistati sono stati circa 9000 tra studenti, lavoratori occupati e disoccupati di età compresa tra 18 e 65 anni; a loro è stato chiesto quanto ritenessero interessanti come possibili datori di lavoro 150aziende con oltre 1000 dipendenti, attive in 14 settori diversi. E dai risultati dell'indagine, Ferrero risulta l'azienda italiana più attrattiva come datore di lavoro da parte dei potenziali dipendenti, con ben il 79,36% delle preferenze.

LA REAZIONE. «Prodotti unici, attenzione costante alla qualità, stabilità finanziaria, responsabilità sociale, ambiente di lavoro stimolante sono i fattori di eccellenza di Ferrero – ha dichiarato l'azienda –. La nostra concezione del lavoro, La fabbrica per l’uomo, non l’uomo per la fabbrica, mette al centro gli aspetti sociali prima, e il profitto dopo. Dopo quasi 70 anni di costante sviluppo, rimaniamo fedeli a questo concetto, perfetta sintesi dell’opera di Michele Ferrero (recentemente scomparso, ndr ), inserito nel contesto globale mantenendo salda la serietà e la sobrietà del lavoro».

GLI ALTRI PREMIATI. In occasione della cerimonia di premiazione sono stati assegnati anche i RandstadGlobe, i riconoscimenti speciali alle aziende che nel 2014 si sono distinte per attrattività nei singoli fattori indagati nella ricerca. Ferrero in questo sezione ha ottenuto ben altri quattro premi classificandosi al primo posto per “atmosfera di lavoro piacevole”, “sicurezza del posto di lavoro”, “work-life balance” e “solidità finanziaria”. Tra le altre aziende premiate, possiamo citare i due Globe per DeutscheBank (“stipendio & benefit competitivi”, “opportunità di carriera”), i due per ThalesAleniaSpace (“contenuto di lavoro interessante”, “buon livello formativo”) e anche il trionfo di CocaCola in “forte gruppo manageriale” e quello di IKEA per quanto riguarda le “politiche di CSR in ambito ambientale e verso la società”.

I DATI. Il settore più ambito dai lavoratori risulta essere il fashion & luxury, indicato dal 64% degli intervistati, seguito dai media (60%) e dall'elettronica (59%), anche se con ampie differenze tra genere e età. Il fattore più importante ricercato in un datore di lavoro dai potenziali dipendenti è rappresentato dalla retribuzione & benefits, indicato dal 56% degli intervistati, che quest'anno supera la sicurezza del posto di lavoro (55%) nelle priorità degli italiani. Subito dopo vengono la richiesta di un'atmosfera di lavoro piacevole (48%), la solidità finanziaria e il work-life balance (41%), le opportunità di carriera (37%). Anche qui, ci sono importanti differenze di genere: le donne porgono più attenzione alla sicurezza del lavoro, all'atmosfera piacevole e all'equilibrio vita privata-lavoro rispetto agli uomini, che danno maggiore importanza alle prospettive di carriera. Ma sono evidenti anche le differenze per età: i potenziali dipendenti più giovani si concentrano su carriera, lavoro e atmosfera piacevole, mentre quelli di età più avanzata su sicurezza del lavoro e stabilità finanziaria. Inoltre, chi ha un livello di istruzione superiore non sottovaluta carriera e equilibrio vita-lavoro.

LA FORMULA DEL SUCCESSO. E La formula del successo lavorativo? Per la stragrande maggioranza dei lavoratori italiani (il 70%) consiste nello svolgere un lavoro in linea con le proprie attitudini. Solo per un quinto è lo stipendio elevato e per un decimo l'alta riconoscibilità sociale della professione. Il livello retributivo è considerato più spesso come indicatore di una carriera di successo tra gli uomini e tra i lavoratori giovani. Mentre i manager sono la categoria che più di tutte le altre pone più attenzione al riconoscimento sociale del proprio lavoro.