Fonte immagine: mib.edu

Aumento dello stipendio, nuove skills manageriali acquisite e possibilità di fare carriera mettendosi in luce con i recruiter: sono questi i benefici più importanti del frequentare un Mba. I corsi specialistici dai costi spesso esorbitanti sembrano in investimento sicuro, a guardare i risultati di un sondaggio del Financial Times tra gli ex alunni dei corsi più prestigiosi d'America.

QUANTO RENDE L'INVESTIMENTO IN UN MBA?

In media, coloro che hanno frequentato uno dei 100 programmi MBA migliori del mondo, nell’arco di tre anni hanno visto raddoppiare lo stipendio precedente. Gli ex alunni della Bulloch, a Stanford, al secondo posto della classifica 2017, hanno visto rientrare in fretta l'investimento: dopo aver rinunciato a un reddito medio di 100 mila dollari l'anno, a tre anni dalla fine dei corsi ne guadagnano 200 mila. La metà guadagnano gli ex alunni del Tippie College Business dell'Iowa (84 posto), anche se percentualmente fanno meglio con un +130% rispetto ai loro redditi pre-Mba.

«I vantaggi economici di questo investimento sono un fattore di cui tengono sicuramente conto, ma gli studenti partono con l’idea che l'Mba li possa aiutare a esaudire i loro sogni», dice al Ft David Deyak, assistente rettore alla Tippie. Che vuol dire cambiare lavoro, settore e persino Paese. Da non sottovalutare l'impatto personale di un Mba che permette di creare un network.

GLI MBA DI UN ANNO SONO I PREFERITI

Non stupiscono, dunque, i numeri: nel 2016 le domande di iscrizione per l’Mba di un solo anno - la modalità preferita anche per aggiornamenti in settori non al passo con i tempi - sonoaumentate nel 57%. Coloro che si iscrivono ai corsi di diploma in due anni hanno maggiori possibilità di ricevere borse di studio: il 48% contro il 36% degli studenti annuali. I programmi più brevi garantiscono comunque un valore superiore rispetto al denaro speso.

Se per molti studenti che vogliono frequentarlo il tempo da dedicare a un programma Mba è di sicuro argomento da tenere in maggiore considerazione, i candidati spesso si autoselezionano proprio di fronte alle alte spese da affrontare. Anche se sanno di poter rientrare in poco tempo da quell'investimento.