Pmi, arriva un elenco degli innovation manager

In futuro, per le imprese italiane aprirsi all’innovazione potrebbe essere più facile. Il Mise, infatti, ha predisposto uno strumento ad hoc per favorire l’incontro fra le aziende e gli innovation manager. Di che cosa si tratta? Di una piattaforma in cui, da un lato, i professionisti in possesso dei requisiti giusti potranno offrirsi come consulenti e, dall’altro, le Pmi potranno richiedere contribuire per acquistare la loro consulenza. Lo scopo è favorire i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle aziende e delle reti di impresa. Per il momento, possono accedere alla piattaforma informatica, nella sezione «voucher per consulenza in innovazione» del sito del ministero, solo i professionisti che vogliono inserire la propria candidatura. In una seconda fase, quando sarà completato un elenco definitivo, sarà aperta la richiesta di contributi, che potrà essere presentata dalle imprese per acquistare prestazioni di consulenza, per un periodo di almeno nove mesi. La dotazione finanziaria complessiva è 75 milioni di euro, divisa in parti uguali tra 2019, 2020, e 2021.

Chi sono gli innovation manager

Ma chi sono gli innovation manager?  Si tratta di matematici, informatici, ingegneri, economisti, chimici, fisici, in grado di integrare la gestione dei big data, i sistemi in cloud, la cyber security, la stampa 3D, la realtà aumentata, la robotica e la manifattura avanzata nei processi organizzativi delle piccole e medie imprese. Per poter essere iscritti nell’elenco del Mise, infatti, i professionisti devono essere in possesso di un dottorato di ricerca, di un master di secondo livello (con un anno di esperienza lavorativa), di una laurea magistrale (con tre anni di esperienza lavorativa) in queste aree: scienze matematiche e informatiche, scienze fisiche, scienze chimiche, scienze biologiche, ingegneria industriale e dell’informazione, scienze economiche e statistiche. In alternativa devono aver svolto incarichi documentabili, per almeno sette anni, presso imprese negli ambiti di applicazione delle tecnologie abilitanti impresa 4.0. I manager avranno tempo fino alle 17 del 25 ottobre prossimo per presentare la propria candidatura.