Il Digital Marketing Specialist è la figura professionale di cui le aziende non potranno fare a meno nei prossimi 3 anni. A dirlo è ricerca realizzata da TAG Innovation School, in collaborazione con Cisco Italia e Intesa Sanpaolo su un campione di 550 piccole e medie imprese italiane. Nella mappa delle figure professionali, il 60% delle pmi dichiara di avere bisogno per la crescita del proprio business di Digital Marketing Specialist, in testa a analisti dei dati (Business Data Analyst) ed esperti di trasformazione digitale (Chief Digital Officer). Tra i nuovi trend del settore, le aziende hanno incrementato i propri investimenti puntando sempre di più su Content Marketing, Email Marketing, Paid Search, e in generale su attività di lead generation.

DIGITAL MARKETING SPECIALIST: A CHI SERVE

Il Digital Marketing non è
 solamente un altro canale 
attraverso cui fare marketing, è un nuovo approccio tecnologico, che consente di analizzare e comprendere il comportamento del consumatore moderno prevedendone addirittura modi e abitudini. Il Digital Markerting Specialist ha la capacità di raggiungere molti più utenti rispetto forme di comunicazione tradizionale offline e di stimolare la creatività dei consumatori così da innescare quei tanto attesi meccanismi di viral marketing e buzz marketing a cui tutti i brand aspirano. Le skill di cui si serve per raggiungere questi obiettivi sono diverse, ma tra le principali troviamo Content Marketing, Mobile Marketing, Social Media Management ed Email Marketing.

Lo stipendio medio annuo di un Digital Marketer si aggira fra i 25 e i 30 mila euro lordi per una figura junior ma può arrivare fino a una cifra compresa tra i 65 e i 75 mila per una figura senior. Anche gli anni di esperienza risultano interessanti, considerando che ben il 69% dei Digital Marketing Specialist possiedono un’esperienza nel settore compresa tra 1 e 4 anni, il 19% tra i 5 e i 9 anni e il 13% tra i 10 e i 19 anni. Parlando di quote rosa, sono il 40% le donne che esercitano questo tipo di professione contro un 60% di uomini, segnale che le differenze in questo ambito sembrano assottigliarsi, rispetto ad altre professioni.