gender pay gap parità stipendio islanda

Gender pay gap: ecco la legge per la parità di stipendio tra uomo e donna. L’Islanda è il Primo paese al mondo a rendere obbligatoria la parità di trattamento salariale tra lavoratrici e lavoratori. Aziende ed enti pubblici dell'isola con più di 25 dipendenti dovranno essere in grado di dimostrate l'uguaglianza salariale per le lavoratrici, altrimenti riceveranno una multa. 

Gender pay gap: ecco la legge per la parità di stipendio

La legge contro il gender pay gap è stata votata praticamente all'unanimità dal parlamento islandese, composto al 50% da donne. L'isola nel 2000 ha anche introdotto un sistema di congedo parentale di nove mesi condiviso tra padre e madre: ciascun genitore ha tre mesi di congedo, non trasferibili. «Da anni stiamo lavorando per raggiungere la piena parità di genere, è un obiettivo che non si può più rimandare», ha dichiarato ad Al Jazeera , Dagny Osk Aradottir Pind, figura di spicco nel direttivo dell’associazione islandese per i diritti delle donne. 

L'Islanda si conferma così paladina dell'uguaglianza di genere, dopo nove anni in testa all'apposita classifica del World Economic Forum. Il report analizza il divario di genere attraverso quattro parametri: partecipazione alla crescita economica, risultati accademici, salute e aspettativa di vita e partecipazione alla politica. In classifica gli Usa sono 49esimi (le donne guadagnano l'83% degli uomini), l'Italia 82esima.