BusinessPeople

«Non puoi bluffare» (intervista a Ettore Patriarca - Huawei)

«Non puoi bluffare» (intervista a Ettore Patriarca - Huawei) Torna a Manager hobby non sono solo passatempo
Mercoledì, 30 Settembre 2020

Intervista a Ettore Patriarca, Marketing Director Enterprise BG di Huawei Technologies

Ettore Patriarca Marketing Director Enterprise BG Huawei Technologies

«Non so se sia una coincidenza, ma la passione per il running è nata otto anni fa, proprio mentre iniziavo a lavorare per Huawei. Da allora porto sempre con me le scarpe nei viaggi di lavoro in Italia e all’estero», racconta Ettore Patriarca, Marketing Director Enterprise BG del colosso cinese dell’Ict.

Ne avete fatta di strada da allora lei e l’azienda nel nostro Paese. Ma quando trova il tempo per uno sport così faticoso?
Ho sempre praticato sport, calcio e basket soprattutto. Poi ho scoperto il running, che richiede rigore e passione per migliorarsi e perseguire nuovi obiettivi. Sono due motori importanti di ogni attività, soprattutto quella lavorativa. E ti spingono a fare sacrifici: io mi alleno 4-5 volte a settimana alle 6 di mattina, un “non tempo” che posso sfruttare per non togliere spazio alla famiglia e al lavoro.

Parliamo di una passione molto comune ormai, al di là delle polemiche sui runner in piena pandemia. È mai diventata un’occasione di business?
Mi è capitato spesso durante i grandi eventi, come il Mobile World Congress o altri, di darsi appuntamento con collaboratori, clienti o giornalisti per andare a correre insieme. O addirittura di incrociare all’alba per le strade di Barcellona o Berlino anche dei colleghi insospettabili. È stata l’occasione per approfondire un discorso o rimandarsi ad appuntamenti più formali: è un bel modo di rompere il ghiaccio in negoziazioni ufficiali.

Che cosa impara un manager macinando chilometri all’alba?
Al di là del carico di endorfine che ti aiuta ad affrontare la giornata, si assimilano molti insegnamenti. Il primo è l’importanza dell’allenamento, che vuol dire imparare a prepararsi: in altri sport puoi improvvisare, compensare col talento la mancanza di impegno, mentre su strada non puoi bluffare con il tuo corpo, non puoi improvvisare. E poi correndo impari a gestire le distanze: se devi completare una maratona, non puoi esagerare nei primi dieci chilometri. Così per l’azienda gli obiettivi a breve termine sono importanti, ma bisogna sempre rimanere contestualmente concentrati con quelli di lunga prospettiva.

I maratoneti devono battere la crisi del 30esimo chilometro per arrivare al traguardo. Come si può superare lo stallo post pandemia per tornare a crescere?
Devi pensare che se ti sei allenato non puoi fermarti, non puoi abbandonare se ti mancano il fiato o le energie. E devi ricordarti che chi corre con te non è un tuo avversario, non può danneggiare la tua prestazione. Anzi, sta vivendo sensazioni simili alle tue e anche questo ti aiuta a superare la fatica e ad andare avanti.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2020 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media