Secondo uno studio di psicologia pubblicato su Social Psychiatry , il conducente dell'autobus è il lavoro più usurante e che più espone alla depressione.

Basato su un campione di 214 mila individui della Pennsylvania, la ricerca punta a individuare le occupazioni a maggior rischio di depressione.

In generale, si tratta dei lavori a contatto con il pubblico ma senza attività fisica. E gli autisti dei mezzi pubblici sono in testa al 16,2%. Ed ecco perché, nonostante la fatica, mestieri come minatori e operai registrino bassi livelli di depressione.

I meno stressati sono invece coloro che operano in settori del divertimento e ricreativi, cioè sport, fitness, arti performative.

Secondo un altro studio del 2003 del The Journal of Clinical Psychiatry , la depressione debilita come una malattia fisica e ha un costo di 83 miliardi di dollari l'anno in termini di riduzione della produttività.