© Getty Images

Il titolo è di quelli che fanno sognare: «Un milione di posti di lavoro, è possibile». La strada per raggiungerla è di quelle che fanno discutere: deroghe sul salario minimo, flessibilità sulle 35 ore, abolizione di alcuni giorni festivi.

La proposta arriva dal Medef, la Confindustria francese in un libro - giallo - presentato dal presidente Pierre Gattaz per chiedere riforme «coraggiose».

I contratti transalpini sono troppo garantiti secondo gli imprenditori e rappresentano un ostacolo alla ripresa addirittura «la disoccupazione di domani».

Proprio mentre si attendono i dati sulla disoccupazione prevista in peggioramento, le aziende tentano di forzare la mano: «La Francia non può più aspettare» dice il leader del Medef.

FERIE LIBERE: LA PROPOSTA DI RICHARD BRANSON

Sotto accusa soprattutto l'orario di lavoro inferiore rispetto ai concorrenti (1.650 ore all'anno contro le 1.843 dei tedeschi) per effetto della legge sulle 35 ore, ma anche per i limiti al lavoro notturno e le troppe festività: sono 11, se ne vorrebbero abolire almeno due. Un provvedimento che potrebbe innalzare il pil di almeno l'1%.

«Se i musei rimanessero aperti 7 giorni su 7» l'esempio di Gattaz, «ci sarebbe un effetto positivo su tutto l'ecosistema delle città: dai commercianti ai tassisti».

In discussione anche una deroga al salario minimo da integrare con un sussidio pubblico.