© Getty Images

Low cost e grandi sogni. È partita la campagna assunzioni di easyJet, uno tra i primi vettori aereo del nostro Paese. La compagnia vuole potenziare la sede di Napoli, aperta lo scorso marzo, con l'inserimento di oltre cento tra assistenti di volo e personale di terra. Il piano è di portare a regime entro questa estate 292 voli a settimana verso 22 destinazioni.

Prima compagnia low cost a operare su Capodichino, oggi terza base italiana dell'azienda, nel primo anno di operatività della base partenopea easyJet stima di trasportare 2 milioni di passeggeri tra turisti e manager verso Londra, Parigi, Amburgo e Bruxelles.

«Negli ultimi mesi abbiamo già creato 90 nuovi posti di lavoro per sostenere la crescita dei nostri investimenti in Italia», spiega in una nota della compagnia Frances Ouseley, Country Director Italy di easyJet-. Siamo tra le poche compagnie aeree in Italia che continuano a investire a tassi di crescita superiori alla media e creare nuovi posti di lavoro».

Sono circa mille gli addetti italiani della compagnia che hanno "spostato" 13,4 milioni di passeggeri da e per la penisola nell'anno 2013.