Come poter migliore il propriocurriculum? Foto sì o foto no? Quanto è importante la voce “hobby e interessi personali”. A queste domande risponde Hays, la multinazionale specializzata nel recruitment di middle e senior manager, che, però, fa una premessa: il proprio Cv e ogni lettera di presentazione non deve essere adattato solo in base all’azienda per cui ci si candida, ma anche in base al Paese in cui ci si vorrebbe trasferire.

Come scrivere un Cv 

PAESE CHE VAI CV CHE TROVI. Infatti, chi prende in considerazione un trasferimento all’estero per dare una svolta alla propria carriera è importante che tenga conto del formato, della struttura, della formattazione e dei contenuti del proprio curriculum. “Un curriculum in linea con le aspettative della Nazione a cui ci si sta rivolgendo”, spiega Carlos Manuel Soave, Managing Director di Hays Italia, “è la prima occasione che un candidato ha per dimostrare non solo di avere grande spirito di adattamento, ma anche di aver compreso appieno quali sono i principali meccanismi che caratterizzano il nuovo - papabile - ambiente lavorativo”.

COSA METTERE IN EVIDENZA. In qualsiasi Cv ci sono informazioni classiche che devono essere riportate, indipendentemente da quale parte del mondo si sta prendendo in considerazione per cercare un nuovo impiego. Per esempio, non bisogna mai omettere i dettagli per essere ricontattati (sia telefonici sia online), il percorso accademico, un breve riassunto delle precedenti esperienze lavorative e le competenze acquisite. Se si sta facendo domanda per ricoprire un ruolo con funzione internazionale, andrebbe inoltre indicato se si è in possesso – o meno - di un permesso di lavoro. Cosa bisogna, invece, aggiustare o tenere presente se ci si rivolge all’estero? Ecco i 10 consigli di Hays per un curriculum internazionale.