© Getty Images

Il mondo dei benefit e del welfare aziendale sta cambiando (ve l'abbiamo raccontato qui ), ma non avremmo forse mai pensato che un'azienda arrivasse a offrirsi di pagare il congelamento degli ovuli alle proprie dipendenti.

Ci hanno pensato invece Facebook e Apple proponendo questo bonus molto particolare ai propri talenti al femminile che volessero ritardare l'orologio biologico per concentrarsi sul lavoro e sulla carriera. Il social network è già partito coprendo i 10 mila dollari di spesa per il prelievo e garantendo il pagamento del canone annuale, mentre il motore di ricerca dovrebbe imitarlo da gennaio.

CRITICITA'. Resta solo un problema: il congelamento degli ovuli non è garanzia di maternità in futuro. Nonostante i progressi della scienza in materia di congelamento - la vetrificazione garantisce ottimi risultati - anche in condizioni ottimale la maternità diventa più difficile dopo i 35 anni. E si apre il rischio di cause future per le due aziende.