I titoli dei più importanti telegiornali italiani andati in onda in prima serata, un modo per farvi capire cosa è (o non è) importante per un telegiornale.

Il confronto . L’annuncio del fermo di Massimo Giuseppe Bossetti, presunto assassino di Yara Gambirasio condiziona la scaletta dei principali telegiornali di prima serata che, danno spazio in primo piano anche a un’altra notizia di cronaca nera, la confessione dell’uomo che ha ucciso moglie e figli a Motta Visconti. L’unico telegiornale a non dare priorità a queste notizie è il Tg La7, che mantiene l’apertura sulla politica italiana - il tema del giorno, per tutti i Tg, è ancora la possibile collaborazione dei 5 Stelle all’attività di governo - ma ‘cede’ a notizie di cronaca non sempre presenti in scaletta, così come allo sport: nei titoli del Tg diretto da Enrico Mentana entra anche il bollettino sulle condizioni fisiche dell’Italia, impegnata ai Mondiali di calcio. Restando in tema di sport, da segnalare l’assenza di titoli per Tg5 e Tg La7 dedicati a Michael Schumacher, uscito dal coma e trasferito all’ospedale di Losanna. In dettaglio ecco come, nella serata di lunedì 16 giugno, sono state trattate le notizie dai telegiornali:

La società vista dai telegiornali di un anno fa - Le edizioni del 16 giugno 2013

Le edizioni precedenti

TG1 Rai
1. Cronaca interna. Fermato il presunto assassino di Yara: 44 anni, sposato, con figli, fa il muratore. Preso grazie al Dna.
2. Cronaca interna. Confessa l’uomo che ha ucciso moglie e figli: era invaghito di una collega, dopo l’omicidio andò a tifare Italia.
3. Politica interna. Renzi da Napolitano: “Su riforme non mollo. Prima sembrava avessi la peste, ora tutti vogliono farle”.
4. Politica interna. Legge elettorale, Grillo al premier: “Facciamo sul serio”. I 5 Stelle: “Fallito attacco al governo, usciamo dal limbo”.
5. Cronaca estera. Schumacher è fuori dal coma: dopo sei mesi trasferito da Grenoble a Losanna. Comunica con la moglie attraverso lo sguardo.
6. Cronaca interna. Maltempo al Centro-Sud, allagamenti a Napoli per una bomba d’acqua. Gente sui tetti in Gallura. Nubifragio a Roma.
7. Sport. Mondiali, per l’Italia allarme formazione: De Rossi non si allena, sempre indisponibili Buffon e De Sciglio. La Germania travolge il Portogallo, fischi a Cristiano Ronaldo.

TG5 – Mediaset
1. Cronaca interna. Clamorosa svolta nel delitto di Yara: preso dopo quattro anni il presunto assassino della 13enne di Brembate, uccisa e ritrovata in un campo mesi dopo. E’ un muratore di Clusone, nel bergamasco, sposato, con figli; individuato grazie al Dna del padre naturale. L’annuncio di Alfano.
2. Cronaca interna. “Gli ho sgozzati io, merito il massimo della pena, ma amo un’altra e volevo essere libero”. Crolla l’uomo del massacro di Motta Visconti, un delitto orribile e lucido: accoltella la moglie, poi i bambini di cinque anni e 20 mesi; si fa una doccia e va a guardare la partita.
3. Cronaca estera. La Russia sospende le forniture di gas all’Ucraina. Preoccupazione per il prossimo inverno in Europa, anche se Gazprom rassicura.
4. Politica interna. Riforma della legge elettorale, Grillo a Renzi: “Noi facciamo sul serio”, e rilancia il Democratellum. Il premier: “Cerchiamo di essere operativi”, e sale al Quirinale. Forza Italia: “Vediamo se Grillo fa sul serio”.
5. Cronaca interna. Da Nord a Sud, quando piove l’Italia va sott’acqua con danni milionari per paesi, città e agricoltura. E Roma non fa eccezione, anzi.
6. Sport. Contro il Costa Rica a rischio non solo Buffon, ma anche il secondo portiere Sirigu, oltre a De Sciglio. In attesa del match degli azzurri di venerdì, il Mondiale diverte a furia di gol.

TG LA7 Cairo Communication

Enrico Mentana fa il punto sui principali avvenimenti di oggi, a partire dall'iniziativa dei parlamentari 5 Stelle che, sul blog di Grillo, con una lettera aperta rivolta a Renzi, certificano quanto annunciato ieri sulla loro disponibilità a discutere del ‘Democratellum’: "Sulla legge elettorale facciamo sul serio", e propongono un incontro formale, naturalmente, in diretta streaming come anche il premier aveva chiesto. L'incontro forse giovedì. E Di Maio spiega: "Credevamo nella crisi, ma dopo le Europee tutto è cambiato". Il premier, che oggi sullo stato delle riforme ha incontrato Napolitano, raccoglie e rilancia con metafora: "Un mese fa sembrava che avessi la peste e ora tutti vogliono le riforme". La politica si interroga sui retroscena della mossa dei pentastellati, il leader della Lega, Salvini, "Grillo ha capito che non può dire solo no e vaffa", mentre per Forza Italia è la classica azione di disturbo. Intanto nel Pd perdura il problema della minoranza interna, oggi incontro tra il capogruppo al Senato Zanda e alcuni dei ‘dissidenti’, a cominciare da Mineo. Poi gli sviluppi su due, atroci, fatti di cronaca. Dopo quattro anni si è risolto l'assassino di Yara Gambirasio, fermato un muratore di 44 anni; ha tre figli. Il suo dna è compatibile con una goccia di sangue ritrovato sul corpo della vittima. E il triplice omicidio a Motta Visconti: dopo ore di interrogatorio il marito confessa di essere stato lui a uccidere moglie e figli: "Datemi il massimo della pena". A Venezia nel giorno d'addio del sindaco Orsoni proteste dentro e fuori l'aula del Consiglio comunale.

SKY TG24 Sky Italia
Non disponibili