I titoli dei più importanti telegiornali italiani andati in onda in prima serata, un modo per farvi capire cosa è (o non è) importante per un telegiornale.

Il confronto. Per tre telegiornali su quattro alle 20 la notizia più importante del giorno sono i simboli elettorali ‘cassati’ dal Viminale in vista delle prossime elezioni; solo il Tg La7 – che solitamente presenta un’apertura dedicata alla politica – dà la priorità alla richiesta di cassa integrazione da parte di Fiat per i 5 mila operai dello stabilimento di Melfi, una notizia presente anche nei titoli di Tg5 , Tg1 e Sky Tg24 , che, però, sembrano dare più importanza alla politica (vedi titoli in basso ).
Giovedì sera i dati sull’inflazione in Italia vengono annunciati solo da Tg5 e Tg La7 , quest’ultimo, insieme a Sky Tg24 , è l’unico a dedicare un titolo a una nuova strage ad Aleppo, dove un’esplosione causa la morte di oltre 80 persone e decine di feriti. Per il Tg1 l’unica notizia in arrivo dall’estero è quella dedicata all’ex ciclista Lance Armstrong, che avrebbe ammesso l’uso di doping; il Tg5 , invece, è l’unico telegiornale a mantenere un titolo dedicato all’aereo disperso a Los Roques. In dettaglio tutti i titoli dei telegiornali di martedì 15 gennaio 2013:

La società vista dai telegiornali dello scorso anno – edizioni del 15 gennaio 2012

Tg1 – Rai

1. Politica interna. Il Viminale rifiuta 50 simboli elettorali su 219: bocciati i cloni delle liste di Monti, Grillo e Ingroia; la Lega dovrà correggere il proprio.

2. Politica interna. Berlusconi: “Monti sotto shock per i sondaggi. Al Quirinale voterei subito Draghi”. Il presidente della Bce: “Resto a Francoforte fino al 2019”.

3. Politica interna. Bersani: “Nessun patto di desistenza con Ingroia; l’unico voto utile è per il Pd”. Casini: “Chi lo chiede teme la vittoria di Monti”.

4. Economia. Fiat, cassa integrazione per due anni a Melfi; Fiom: “Allarme occupazione”. Marchionne: “Serve per ristrutturare, in Italia non chiudo più niente”.

5. Giustizia/Politica interna. Depositata la sentenza della Consulta sulle telefonate Mancino-Napolitano: “Le registrazioni del capo dello Stato vanno subito distrutte”.

6. Sport. La confessione in Tv di Lance Armstrong. Il 41enne ciclista americano ammette per la prima volta di aver fatto uso di doping.

7. Musica. Nuovo album per il tenore italiano, Andrea Bocelli; nel disco Canzoni d’amore cantate anche in napoletano e diversi duetti: da quello con Jennifer Lopez a Nelly Furtado, a quello virtuale con Edith Piaf.

Tg5 – Mediaset

1. Politica interna. Il Viminale: 16 simboli bocciati e 34 da modificare entro 48 ore, tra cui quello clone del Movimento 5 Stelle e quello della Lega Nord.

2. Politica interna. Berlusconi: “Con la ricetta Monti la situazione è peggiorata. Con noi via l’Imu, né tasse né contributi per le aziende che assumono giovani”. Appello dei centristi: “Non buttare a mare 13 mesi di sacrifici”. E anche dal Pd appello al voto utile.

3. Economia. Frena l’inflazione, ma rincarano i prodotti acquistati con maggiore frequenza, dal cibo ai carburanti. E gli italiani svuotano il carrello della spesa.

4. Economia. Fiat ha richiesto la cassa integrazione per lo stabilimento di Melfi; servirà per preparare gli impianti a produrre nuovi modelli. Marchionne: “Una ristrutturazione per il rilancio, non chiuderemo altri impianti in Italia”.

5. Cronaca estera. Non aveva l’abilitazione al volo il pilota ai comandi dell’aereo disperso a Los Roques: la licenza non era più valida da novembre. Anche l’aereo non era autorizzato al trasporto di passeggeri.

6. Cronaca interna. Ancora folle violenza contro le donne: nel torinese un uomo, in crisi depressiva, uccide a martellate la moglie e la figlia. Ai Carabinieri dice: “Devo pagare. Sono pentito”.

7. Cronaca. Sfiorati -50 gradi in Siberia, ma l’inverno si fa sentire anche sul Giappone, colpito da una fortissima nevicata. E in Europa ondata di gelo e neve su Inghilterra, Francia e Croazia.

Tg La7 Telecom Italia Media

1. Economia. La Fiat chiede per Melfi la cassa integrazione fino al 2014 per 5 mila operai; lo stabilimento modello visitato da Monti con tanto di cerimonia, soltanto 20 dicembre scorso – c’è scritto quattro mesi nei titolo, scusate colpa mia – Marchionne assicura che non ci saranno chiusure: “E’ una cassa integrazione a rotazione, la procedura è standard”. Landini (Fiom) chiede un incontro e afferma: “Ignoti i dettagli degli investimenti per Melfi”.

2. Politica interna. Sul voto utile per la maggioranza al Senato scintille a sinistra: Bersani boccia ogni accordo di ‘desistenza’ con Rivoluzione Civica (Civile, ndr ) di Ingroia nelle Regioni strategiche. E avverte, però: “Chi non vota Pd o le liste di coalizione di centrosinistra fa un regalo a Berlusconi, ma noi reggiamo anche da soli il confronto con la destra”. Il leader di Rivoluzione Civile replica: “Venga da noi e ne parliamo. Senza di noi il Pd è inutile”.

3. Politica interna. Stamattina c’è stato l’incontro inatteso e ravvicinato proprio tra Ingroia e Berlusconi. Ma prima vi devo dire che lo stesso Berlusconi ha tirato fuori il nome di Mario Draghi come possibile candidato al Quirinale; ma l’interessato respinge però l’ipotesi con un gelido comunicato del portavoce: “Il mio impegno alla Banca centrale europea scade a ottobre 2019”.

4. Politica interna. E l’incontro, appunto. Berlusconi esce da Omnibus e si trova di fronte Ingroia, che sta entrando a Coffe Break ; l’ultima volta che si incrociarono, pochi mesi fa, il Cavaliere era nelle vesti di interrogato da Ingroia per l’indagine su Dell’Utri. Berlusconi ricorda la fede interista del pm e incrocia le mani, come se avesse le manette, Ingroia ride: “Voleva ricordarmi Mourinho”.

5. Politica interna. In vista delle elezioni il Viminale ammette 169 simboli sui 219 presentati: sono definitivamente in fuorigioco in 16, ricusati in 34 che avranno modifiche per gli errori. Esulta Grillo, da oggi in ‘tsunami tour’ in Toscana, per l’esclusione della lista civetta che plagiava il Movimento 5 Stelle. Bocciata anche la lista dello pseudo Monti piemontese; ma sospesa, in attesa di modifiche, anche la lista della Lega con i nomi di Maroni e di Tremonti, con la ‘M’ maiuscola in mezzo al nome.

6. Economia. In Italia torna a far paura l’inflazione, nel 2012 ha raggiunto il 3% complessivo, passato così a +0,2% dal 2,8 dell’anno prima. Lo certifica l’Istat, secondo cui a incidere sul costo della vita sono le spese per la casa e i prodotti acquistati maggiormente, il cosiddetto ‘carrello della spesa’, che ha subito un aumento del 4,3%.

7. Cronaca estera. In Siria strage all’Università di Aleppo, città al centro di duri scontri tra i lealisti e i ribelli. Sotto le bombe muoiono 80 studenti, decine di feriti; era giorno di esami. L’esercito accusa gli oppositori: “E’ stato un attentato”. Ma si parla di missili lanciati da Mig dei militari di Assad sui social network. L’edificio è in una zona controllata dal governo.

Sky Tg24 – Sky Italia

1. Politica interna. Il Viminale boccia i simboli ‘civetta’: soddisfazione per Grillo, Monti e Ingroia; non ammesso uno dei loghi della Lega.

2.Politica interna. Berlusconi invita Draghi al Colle, “sono impegnato”, replica però il presidente della Bce. E su Monti: “leaderino sotto shock”, dice.

3.Politica interna. Il voto utile secondo Bersani: “Se non si sceglie il Pd, si fa un regalo a Berlusconi”. Ingroia replica: “Parliamone”.

4.Economia. La Fiat ristruttura Melfi per il rilancio: due anni di cassa integrazione per gli operai; “nessun’altra chiusura”, assicura Marchionne.

5.Cronaca interna. Tragedia familiare a Cavour nel torinese: uccide a martellate la moglie e la figlia disabile, poi si consegna ai Carabinieri.

6. Cronaca estera. In Siria una tragica esplosione all’Università di Aleppo: oltre 80 morti e decine di feriti, per il governo è un attentato.

7. Cronaca interna. Si riapre il giallo di Natalie Wood: lividi sul corpo dell’attrice, morta 31 anni fa, in circostanze ancora misteriose.

8. Cronaca interna. Finalmente l’inverno, da Nord verso Sud; settimana di gran freddo e neve, previsti fiocchi anche a Roma.