I titoli dei più importanti telegiornali italiani andati in onda in prima serata, un modo per farvi capire cosa è (o non è) importante per un telegiornale.

Il confronto . A 24 ore dalla presentazione della legge di stabilità emergono i primi duri scontri politici. Le polemiche tra governo e Regioni – che parlano di manovra “insostenibile” – aprono la maggior parte dei telegiornali. L’attenzione è, quindi, soprattutto incentrata sulla politica, ma sotto i riflettori finiscono anche i mercati finanziari dopo l’ennesimo risultato negativo di Piazza Affari e lo spread tornato sopra i 200 punti.
Resta alta l’attenzione per l’epidemia di virus Ebola, anche se l’argomento non trova spazio nei titoli del Tg1 , che – insieme al Tg5 – celebra Tomás Milián, vincitore del premio alla carriera al Festival del cinema di Roma. In dettaglio ecco come, nella serata di giovedì 16 ottobre, sono state trattate le notizie dai telegiornali:

Le edizioni precedenti

TG1 Rai
1. Politica interna. Manovra, Regioni in rivolta: “A rischio la sanità”. Renzi: “Polemiche inaccettabili, riducete sprechi. Basta prendere in giro gli italiani”.
2. Politica interna. Padoan al Tg1 : “Le misure non richiedono necessariamente aumento tasse locali. Primi benefici per crescita e occupazione già nel 2015”.
3. Economia. Manovra: Tfr su base volontaria, confermati gli 80 euro, sgravi per i neoassunti, taglio dell’Irap. Sì delle imprese, no dei sindacati.
4. Finanza. Borsa ancora giù: Milano perde l’1,2%, lo spread vola a 200, poi scende. Cinquanta leader del mondo a Milano per il vertice Asia-Europa.
5. Giustizia. Processo Ruby, motivazioni dell’appello: “Berlusconi assolto perchè non è provato che conoscesse la minore età della ragazza”.
6. Cronaca interna. Una settimana fa l’alluvione di Genova, lutto cittadino per i funerali dell’uomo travolto dal Bisagno. Protestano i commercianti.
7. Cinema. “Avrei voluto essere il Monnezza nella vita”, così al Tg1 dice Tomás Milián, il popolare attore che riceve oggi, all’apertura del Festival del fill di Roma, il Marco Aurelio d’Oro alla carriera.

TG5 – Mediaset
1. Politica interna. Duro botta e risposta tra Renzi e le Regioni; i governatori: “La manovra è insostenibile, sanità pubblica a rischio”. Il premier: “Comincino dai loro sprechi. Alzare le tasse locali sarebbe una provocazione”. Padoan al Tg5: “La manovra non si tocca”.
2. Politica interna. La manovra non piace neanche ai sindacati; Camusso: “Non risponde alle vere esigenze”. La Fiom annuncia lo sciopero generale, più prudenti Cisl e Uil. Soddisfazione da Confindustria per il taglio del costo del lavoro. Brunetta (Forza Italia): “Trentasei miliardi di sogni, ma dove sono le coperture?”.
3. Finanza. Mattinata difficilissima sui mercati: grande nervosismo e cali che facevano temere il secondo crollo consecutivo. Alla fine Milano perde l’1,21%; lo spread sfonda quota 200, poi ripiega. L’Europa brucia oltre 30 miliardi.
4. Cronaca. Mare Nostrum finirà con il mese di ottobre; Alfano annuncia la decisione del governo che sarà ratificata tra pochi giorni. Via all’operazione congiunta Triton, ma l’Europa precisa: “La gestione dei confini resta agli Stati membri”.
5. Cronaca interna. A Genova i funerali della vittima dell’alluvione, mentre le regioni colpite dai violenti fenomeni dei giorni scorsi si continua a spalare fango. In Toscana sott’acqua anche le terme di Saturnia.
6. Cronaca estera. Ebola, raffica di allarmi negli Stati Uniti: sotto osservazione tutti i passeggeri dell’aereo su cui è stata fatta viaggiare l’infermiera infetta. Obama: “Se faremo altri errori, l’emergenza potrebbe diventare globale”.
7. Cronaca estera. Si aggrava il bilancio della tempesta di neve sull'Himalaya: 29 vittime accertate, ma potrebbero essere almeno il doppio. Quattro italiani bloccati in un campo base a 5 mila metri, il maltempo ostacola i soccorsi.
8. Cinema. Sul tappeto rosso del Festival del cinema di Roma Tomás Milián, 81 anni, premio alla carriera e un’autobiografia intitolata Monnezza amore mio , in cui lui si racconta tra sogni e ferite. “Roma è la mia casa”, dice, “e questo riconoscimento è una resurrezione”.

TG LA7 - Cairo Editore
Enrico Mentana fa il punto sui principali avvenimenti di oggi. Dopo il varo della manovra da 36 miliardi, manovra pesante ma senza nuove tasse, è esplosa la reazione dei governatori delle Regioni contro Renzi, che ribatte duro. E’ un braccio di ferro che investe il centrosinistra, visto che la maggior parte dei governatori appartiene a quello schieramento. Vedremo i punti forti e anche quelli più controversi della legge di stabilità. Questo mentre le Borse vivono un'altra giornata di nervosismo e torna ad affacciarsi il fantasma dello spread.
Al vertice Euro-asiatico in corso a Milano sul tavolo accordi commerciali e delicate questioni strategiche; stasera arriva Putin. Vedremo anche come ci sia stata l'ennesima fumata nera per l'elezione dei due giudici della Consulta di nomina parlamentare. E i guai dei 5 Stelle in Europa e non solo. Poi le motivazioni dell'appello, che ha assolto Berlusconi: non sapeva che Ruby era minorenne e non fece pressioni sulla Questura. Infine l'appello di Ban Ki-moon per combattere il virus dell'Ebola.

SKY TG24 – Sky Italia
Non disponibili