I titoli dei più importanti telegiornali italiani andati in onda in prima serata, un modo per farvi capire cosa è (o non è) importante per un telegiornale.

Il confronto.Mario Monti protagonista delle aperture delle edizioni serali dei telegiornali. Le sue dichiarazioni al termine dell’Ecofin di Bruxelles sulla necessità di salvaguardare l’euro, ma anche sulla sua non candidatura alle elezioni politiche del 2013 sono il primo titolo per il Tg1 , il Tg5 e il TgLa7 . Da Monti a Giorgio Napolitano. Anche le dichiarazioni del capo dello Stato nei titoli dei notiziari. Solo politica ed economia nel TgLa7 , tanta cronaca (da Schettino al delitto della madre di Trapani all’uccisione del vigile di Milano) sul Tg5 . Media (con Internet che si apre ai caratteri speciali) e sport a chiuder i titoli del tg della prima rete Rai.

Le edizioni precedenti

Tg1 – Rai

1. Economia/Politica interna. Monti: “Faremo tutto il necessario per salvaguardare l’euro. Escludo di restare al governo dopo le prossime elezioni”.

2. Politica estera/Economia. Via libera dell’Eurogruppo alle misure anti-spread. Per il Fondo monetario: “Italia fuori dalla recessione il prossimo anno. Ma avanti con le riforme”.

3. Politica interna. Napolitano: “Dai partiti politiche anti-crisi anche dopo 2013. Forze sociali siano responsabili. Dare ai mercati immagine di Paese consapevole”.

4. Cronaca interna. Colpo alla ‘ndrangheta e alla camorra. Sequestrati beni per centinaia di milioni di euro a due imprenditori.

5. Media. La rete internet apre ai caratteri stranieri. Da domani via libera ad accenti e lettere con grafie particolari nei domini italiani.

6. Sport. Gli italiani amano lo sport, ma lo praticano poco. Solo il 22%. Quasi la metà non fa attività fisica. Ci si muove di più al Nord, meno al Sud ne i più allenati sono gli over 40.

Tg5 – Mediaset

1. Politica interna/Economia. Monti rassicura da Bruxelles: “C’è una volontà unica di salvare l’euro. Ardito dire che l’Italia non avrà mai bisogno di aiuti. Ma non lo prevedo. Escludo di governare dopo il 2013”. Il Fondo monetario: “Bene la spending review”.

2.Politica interna. Napolitano: “No a misure parziali. Andare fino in fondo. Dal governo provvedimenti dolorosi e ineludibili, ma troppe strozzature economiche e burocrazia. I partiti portino avanti politiche anti-crisi anche dopo il voto.

3. Cronaca/Spettacoli. “Un errore banale, poi la fatalità. Come se tutte le nostre teste e gli strumenti fossero andati in black out”. Schettino rivive la tragedia della Concordia. L’intervista integrale stasera a Quinta Colonna in prima serata su Canale 5.

4. Cronaca interna. Trapani, per il delitto della donna al nono mese di gravidanza uccisa e data alle fiamme fermata anche l’amante del marito. Lui la accusa: “È stata lei ad ucciderla”.

5. Cronaca interna. Ha ucciso nostro fratello e non farà neanche un giorno di galera”. La rabbia dei parenti del vigile travolto a gennaio da un nomade alla guida di un Suv. Il giovane processato dal tribunale dei minori che prevede pene meno severe.

6. Attualità. In Italia multe troppo salate e dopo i rincari da record la Commissione trasporti della Camera: “Basta infierire sugli automobilisti, pensiamo a come ridurli”.

7. Spettacoli. Dodici mila biglietti a un euro per i due concerti di Adriano Celentano a ottobre all’Arena di Verona. Diretta su Canale 5 per il Molleggiato sul palco dopo 18 anni. La moglie Claudia Mori: “Con Mediaset protrebbe essere solo l’inizio”.

La7 – Telecom Italia Media

1. Politica estera/Economia. Al termine dell’Ecofin di Bruxelles arriva il sì allo scudo anti-spread voluto fortemente da Monti che avverte: “Ardito dire che l’Italia non avrà mai bisogno di aiuti, il nostro Paese ha ricevuto raccomandazioni dure, come è dura la situazione che stiamo gestendo”; poi il premier rassicura sul futuro dell’euro e sul suo futuro in politica: “Ricandidarmi nel 2013? Lo escludo”.

2. Politica interna. E quindi le parole del premier arrivano all’indomani della lettera di Napolitano ai presidenti delle due camere sulla necessità di fare in fretta una riforma elettorale. Vengono considerati quindi come l’inizio, lo start, della corsa verso le elezioni”.

3. Politica interna. Già, ma con quale legge elettorale? La riforma deve essere fatta al più presto, entro 10 giorni ci sarà una bozza su cui discutere, hanno deciso i capi gruppo nella conferenza al Senato riunita proprio a seguito del pressing del capo dello Stato. Restano distanti però le posizioni dei partiti per mettersi alle spalle l’attuale legge. Bersani avverte: “No a soluzioni che ci portano a metà tra tangentopoli e la Grecia. Questa sera vertice del Pdl e Grillo tuona: Sarà una riforma comunque contro di noi”.

4. Lavoro/Economia. Anche oggi pagelle all’Italia, quelle che arrivano dall’Ocse e del Fondo monetario internazionale. L’Organizzazione per la Cooperazione in Europa promuove la riforma del lavoro, ma deve essere applicata subito, perché in Italia la disoccupazione cresce e un giovane su due è precario. Plausi alla spending review dal Fmi, ama nel rapporto ci sono molti condizionali e la conferma che il nostro primo problema, la crescita, perdura con il Pil che sarà -1,9 nel 2012.

5. Attualità. E contro la spending review le farmacie annunciato la serrata. Saranno chiuse il 26 di questo mese. Per Federfarma, che è l’organizzazione che le riunisce, “sono tagli insostenibili. A rischio 20mila posti”. Stamattina il sitting davanti a Montecitorio. Il ministro della sanità convoca un incontro d’urgenza nel tentativo di scongiurare la protesta.

6. Politica interna. “Umberto è un genio, per questo si è potuto sempre contornare di imbecilli”. Così Manuela Bossi al telefono si confidava con Francesco Belsito. Ecco le intercettazioni di “The family”, le confidenze tra la moglie del senatur e l’ex tesoriere, ma anche tra Renzo Bossi e Belsito.