Fast 500 Emea: 13 aziende italiane high tech in classifica

La britannica Revolut è la prima classificata

Prima Assicurazioni, Everli by Supermercato24, Pikkart, Keytech, Exom Group, Techno Center, Intellienergy Technologies, MailUp Group, Digital Angels, Easy-D-Rom Engineering, Angiodroid, FiloBlu e Across sono le 13 aziende italiane vincitrici dell’edizione 2019 del programma Deloitte Technology Fast 500 Emea, organizzato ogni anno da Deloitte in tre regioni - Nord America, EMEA e Asia-Pacifico, una delle più autorevoli classifiche nel settore tecnologico che premia gli sforzi e la dedizione delle società ad alto contenuto tecnologico che hanno registrato il più alto tasso di crescita dei ricavi negli ultimi quattro anni.

Giunto alla sua 19° edizione, il ranking si basa sulla crescita registrata tra il FY15 e il FY18 e comprende aziende provenienti da 22 Paesi della regione Emea, con un tasso di crescita medio del 1.258% (in aumento rispetto al 969% dell’edizione 2018). Il tasso di crescita individuale delle aziende vincitrici va dal 157% al 39.754%. Un dato sena precedenti.

La top 10

A classificarsi al primo posto è la britannica Revolut: nata come servizio di trasferimento e cambio denaro, oggi offre a milioni di clienti in tutto il mondo decine di prodotti finanziari innovativi, con l’obiettivo di migliorare la loro solidità finanziaria. Al secondo posto un’altra azienda fintech britannica, OakNorth, seguita nella Top 5 da Cloud & Heat (Germania), DivideBuy (Regno Unito) e Fineway (Germania).

Nella top 10 c'è poi anche un’azienda fintech italiana: Prima Assicurazioni, agenzia assicurativa online fondata nel 2015 e specializzata in polizze Rc auto, moto e furgoni. Oggi Prima conta circa 800 mila clienti e più di 1.500 carrozzerie e centri di assistenza convenzionati, ricoprendo una posizione distintiva nel mercato assicurativo italiano.

top-10-deloitte-fast-500

Gran Bretagna in pole position

Basta osservare la testa della classifica per intuire che quest’anno è il Regno Unito a dominare la classifica dei Paesi più rappresentati, con 98 aziende. Lo seguono nella top 5 Paesi Bassi (70), Germania (47), Svezia (46) e Belgio (35). L’Italia si posiziona al 12° posto, con 13 imprese.

Guardando invece ai vari settori, le aziende con l’indice di crescita più alto appartengono al settore Fintech (2777%), Tecnologie Ambientali (2664%), Media & Entertainment (1245%), Hardware (1038%) e Software (1016%). Le società di software dominano inoltre la classifica, con 281 aziende su 500.