Olivia Wilde, Tron Legacy

In Tron Legacy , Quorra (Olivia Wilde) indossa un tessuto digitale. Presto potremmo farlo anche noi

Un telecomando-guanto, un cellulare sulla manica di una camicia o un tablet da 10 pollici da piegare in due e inserire comodamente nel taschino della giacca. In pratica un tessuto digitale sul quale poter lavorare per creare un vero e proprio abbigliamento hi-tech, sempre più all’avanguardia e da indossare nella vita di tutti giorni. Nei film l’abito digitale è già una realtà (un esempio è nuovo film della Diseny, Tron Legacy , nella foto), ma al Nokia Research Center di Cambridge ci si lavora già da tempo. Più che di tessuto si parla di ‘Pelle elettronica flessibile’ (Stretchable electronic skin), qualcosa di veramente simile a una pelle elettronica per “dare nuovi confini della forma”.

Stretchable electronic skin

Attraverso l’utilizzo dell’oro evaporato come conduttore, i tecnici hanno creato un touchpad elettronico che può essere allungato come un elastico pur continuando a rispondere al tocco e alla pressione. I test di laboratorio fino ad ora effettuati hanno messo in evidenza che il touchpad può essere allungato fino al 20 per cento della sua misura originale, senza nessun calo di prestazioni. Il processo di creazione del materiale è unico e in Nokia assicurano che “i risultati sono assolutamente sbalorditivi”, soprattutto pensando alle possibilità che questa nuova tecnologia può offrire. Questa ricerca, infatti, pone le basi per valutare le possibilità di sviluppo dei dispositivi del futuro con forme assolutamente innovative. Utilizzare un materiale che può essere contorto e distorto come un elastico potrebbe consentire la realizzazione di una gamma di dispositivi indossabili o addirittura fattivamente parte del nostro abbigliamento. In grado di cambiare totalmente l’identità dell’oggetto. Un’illusione? Guardare il video per credere