Il satellite Lares, protagonista dell'esperimento © The Lares Team

E' tutto italiano il primo messaggio quantistico spedito nello spazio con successo: la trasmissione dati è stata completata con il satellite Lares alla distanza record di 1.700 chilometri. L'esperimento, descritto sulla rivista Physical Review Letters è nato dalla collaborazione fra Centro di Geodesia spaziale dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) di Matera e l'università di Padova. I dati sono stati impacchettati in particelle di luce e inviati nello spazio al satellite, lanciato dall'Asi nel 2012. Gli specchi che coprono la superficie di Lares hanno riflesso il messaggio verso la stazione ricevente sulla Terra.

Si tratta di un passo fondamentale sulla strada delle comunicazioni quantistiche, impossibili da intercettare. Provare a catturare simili messaggi comporta la distruzione automatica degli stessi. «E' una prima assoluta nel mondo ed è un grosso risultato che pone l'Italia all'avanguardia in un settore dalle applicazioni industriali importanti», ha detto all'Ansa il presidente dell'Asi, Roberto Battiston, che ha ricordato come esperimenti del genere avessero avuto successo solo su distanze dieci volte minori. «Il centro di Matera è un punto di riferimento mondiale per la geodesia spaziale ad esempio per ottenere misure precise della posizione della Luna e dei satelliti con precisione millimetrica».