“Quando parliamo di Tv, fotocamere, videocamere, notebook e persino cuffie, siamo sicuri di conoscere questi prodotti fino in fondo? Ci sono fenomeni e trend di mercato che stanno profondamente cambiando il modo di vivere e intendere questi prodotti. Modelli di utilizzo che fino a solo pochi anni fa sarebbero stati impensabili si fanno al contrario largo”. Così ha aperto Salvatore Paparelli, da qualche mese salito alla carica di general manager di Sony Italia, il suo intervento all’evento milanese di presentazione delle novità del brand, che non a caso è stato chiamato “Entertainment redefined”. Il manager ha poi proseguito evidenziando che “ridefinire i contorni dell’intrattenimento, passando da sistemi passivi e chiusi a modelli aperti e attivi è la nostra missione”. Un obiettivo che parte dalla internet tv che con la propria proposta totalmente nuova di fruire e impiegare l’apparecchio televisivo “conquisterà rapidamente ampie fette di consumatori, tanto che stimiamo che la soglia di un tv connected su 5 sarà anche superata”. Se già all’inizio 2010, il brand giapponese punta sulle nuove funzionalità legate al mondo di Internet con una campagna che recitava "Sony Internet TV - Immagina di scegliere", quest'anno “proponiamo un'intera gamma di TV connesse, a partire da quelle di piccole dimensioni per la cucina o la camera - già dotate di connessioni wireless - per arrivare ai top di gamma. Ben 36 modelli su 41 saranno infatti Internet TV” specifica invece Giorgio Bettariga, che da qualche giorno ha assunto la posizione di direttore vendite consumer.
Il palinsesto di Sony Internet TV, “tra i più ricchi sul mercato” prosegue Paparelli, “si basa su tre pilastri fondamentali: guardare, ascoltare e comunicare". Il primo avrà i suoi punti forti in Rai.tv, il canale Eurosport e Berliner Philharmoniker (quest'ultimo a pagamento e in esclusiva per Sony) e, su tutti i TV con bollino gold, la web TV di Cubovision. Senza dimenticare il servizio VOD proprietario Qriocity, che nella versione musicale permette di ascoltare – secondo pilastro – “milioni di brani direttamente da TV, Blu-ray, sistemi Home Theatre, notebook di tutti i brand, tra cui Vaio, e PlayStation3, tramite un abbonamento Basic a 3,99 euro o Premium, con la possibilità di creazione di Playlist personali e molto altro, a 9,99 euro al mese”. La possibilità di comunicare appunto con il mondo tramite Skype e i principali social network e di navigare liberamente in Internet compongono il terzo pilastro. L’esposizione non accoglieva però solo Flat Tv connected ma anche altri settori, “perché oggi non cambia solo la televisione”. Dal digital imaging, dalla Handycam 3D Full HD, alla prima videocamera Full HD con proiettore incorporato, dalle nuove Cyber-shot alla nuova Bloggie. Spazio anche al mondo Vaio che “viene toccato da un forte restyling, con nuove linee e colori, mobilità spinta e 3D nei notebook e touch screen nel desktop Vaio all-in-one”.