© iStockPhoto.com/alengo

A cosa serve la domotica? A rendere più sicura e protetta la nostra casa. È l’opinione che gli italiani hanno nei confronti della smart home. Secondo un’indagine condotta a livello europeo da D-Link in occasione del suo 30esimo anniversario, la sicurezza si conferma un bisogno primario tra i consumatori: raccoglie oltre il doppio delle preferenze rispetto alle necessità di risparmio economico ed energetico che si possono ottenere con una casa intelligente.
Nella “wish list” dei cittadini europei le videocamere di sorveglianza e sensori di movimento raccolgono il 37% delle intenzioni d’acquisto per il 2016 (il 23% dei rispondenti intende acquistare una videocamera di sorveglianza e il 14% sensori di movimento), mentre le smart plug (prese di corrente attivabili via Internet) sono indicate come prioritarie dal 25% degli intervistati. Solo il 13% crede che la smart home debba portare beneficio all’intrattenimento domestico, nonostante la forte crescita dei servizi di streaming on demand di musica e film.

La ricerca:
Più di 8.500 questionari sono stati completatati dai clienti D-Link in Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania Ungheria, Italia, Norvegia, Polonia, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia, Svizzera, Paesi Bassi e Regno Unito.

Aspetti principali:
Per quali scenari di vita vorrebbero ricevere maggiore supporto dalla smart home, i consumatori europei?
1. Per una sicurezza domestica avanzata (44%)
2. Per semplificare il momento “dell’uscita di casa” (36%)
3. Per ricevere aiuto per gestire la casa prima di addormentarsi (27%)
4. Per essere accolti al rientro a casa (26%)
5. Per l’intrattenimento personale domestico (15%)

Le cinque ragioni principali per acquistare un dispositivo smart sono:
1. Rendere la casa più sicura e protetta (45%)
2. Automatizzare gli ambienti (31%)
3. Accedere ai propri dispositivi anche da remoto (26%)
4. Risparmiare (18%)
5. Avere più controllo su bambini e animali domestici (13%)