Non si sa molto di Magic Leap, misteriosa start up americana che sta facendo il pieno di investimenti, ma le cose note lasciano presagire qualcosa di grande. Il primo dato è che nel consiglio di amministrazione della società ci sono personaggi del calibro di Sundar Pichai, Ceo di Google, e del numero due del gigante cinese Alibaba, Joe Tsai. Il secondo dato è che nel primo round di finanziamenti la società ha portato a casa mezzo milione di dollari e nell’ultimo – concluso a fine gennaio – ne ha incassati altri 800 milioni, ricevendo soldi oltre che da Google anche da Fidelity, Morgan Stanley, Jp Morgan e Qualcomm. Il terzo dato è che, secondo i conti fatti dal Financial Times , Magic Leap vale ora oltre 4,5 miliardi di dollari, più di Airbnb o Snapchat. Un primato alquanto bizzarro se si considera che, a oggi, la società attiva dal 2010 non ha lanciato sul mercato nessuno oggetto.

Eppure la start up, capitanata da Rony Abovitz, esperto di ingegneria biomedica, deve essere sicuramente riuscita a far vedere qualche grande magia ai suoi investitori. Secondo i video circolati in rete, Magic Leap sta mettendo a punto un visore leggerissimo, che si indossa come un tradizionale paio di occhiali, in grado di proiettare direttamente sull’occhio dell’utilizzatore delle immagini tridimensionali che si frappongono con la realtà circostante. Per certi versi, questo oggetto ricorda gli HoloLens di Microsoft, ma chi ha provato il prototipo è rimasto stupito dalle potenzialità, soprattutto in campo creativo e progettuale. Potrebbe essere davvero “The Next Big Thing”, il nuovo Santo Graal tecnologico.