© iStockphoto.com/mario lopes

Non sarà certamente un anno da incorniciare, que­sto 2013. E come tanti altri, anche il mercato della fotografia risente di un lungo periodo di bassa pro­pensione alla spesa. Come non bastasse, ci hanno messo lo zampino pure gli smartphone e i tablet, che con sensori sempre più potenti e app sfiziose hanno fatto venir voglia di fotografare – dal touch screen, si intende – anche a chi fino a pochissimo tempo fa non sapeva nemmeno cosa fosse un’inquadratura. Specialmente perché questi device sono sino­nimo di social network e condivisione. Ecco perché i principali spe­cialisti del digital imaging hanno modificato la rotta, e oltre a propor­re qualità e performance in termini di ottiche e sensori, adesso dota­no persino i prodotti mainstream di connettività Wi Fi. Alcune fotoca­mere sono addirittura in grado, attraverso hot spot, di collegarsi diret­tamente alla Rete, e interagire con le funzionalità di Facebook & co. Ma non è su questa tecnologia che i grandi brand intendono puntare. Piuttosto le fotocamere diverranno sempre più la longa manus, anzi il lungo occhio, dei supertelefonini. In altre parole saranno lo strumen­to con cui chi ci ha preso gusto ed esige foto più belle, più precise, più creative, catturerà le immagini per poi postarle sul proprio profilo on line, rigorosamente tramite cellulare o tavoletta. Quali comprare? Abbiamo selezionato per voi i modelli protagonisti del Photoshow di marzo che meglio rappresentano quanto raccontatoci dai responsabi­li prodotto di Nikon, Canon e Sony.

 

NIKON
Gianluca Barresi - general manager Sales and Marketing di Nital
Le difficoltà del mercato sono purtroppo evidenti a tutti e la fotografia nel segmento compatte sta soffrendo anche più di altre categorie (mentre le fotocamere a ottica intercambiabile sono in crescita). Gli smartphone sono un temibile concorrente perché percepiti come possibili sostituti delle fotocamere compatte. Nella realtà sono una alternativa nell’utilizzo quotidiano, ma non lo sono in tutti quei momenti che meritano di essere ricordati o in tutte quelle situazioni in cui lo zoom,la velocità e la possibilità di ottenere belle immagini anche in condizioni di scarsa luminosità fanno la differenza. La fotografia grazie ai social network è diventata strumento di comunicazione, e quindi oltre a puntare su qualità d’immagine e ottiche zoom Nikkor in casa Nikon quest’anno si aggiungerà anche la connettività wi-fi ai più comuni device disponibili nell’offerta di smartphone e tablet.
Per quanto riguarda le Coolpix, la S800C è dotata inoltre di un sistema operativo integrato Android, (è stata la prima a proporlo sul mercato) che permette la navigazione in Rete. Per il 2013 la punta di diamante della nostra offerta è rappresentata dalla D7100. È stata ideata come fotocamera per gli appassionati evoluti di fotografia, ma può essere apprezzata e utilizzata anche dalla categoria professionale. Il corpo è leggero ma tropicalizzato, le prestazioni sono al top (sensore Cmos formato Dx da 24, 1 Mp, 51 punti per la messa a fuoco, gamma Iso fa 100 a 6.400, Wi Fi con il modulo opzionale Wu-1a) e considerando prestazioni e qualità costruttiva è proposta ad un prezzo molto interessante. Sul fronte delle compatte a ottica intercambiabile, il livello tecnologico è elevatissimo: velocità di scatto, video in Full Hd, trasportabilità, funzioni paragonabili a quelle delle macchine professionali racchiuse in un corpo ultracompatto, con in più la possibilità di cambiare l’obiettivo in base alle esigenze della posa. La gamma Nikon 1 comprende diversi prodotti per diversi target di utenza, con un parco ottiche e accessori in continua espansione».

 

CANON
Malcolm Rossi - product manager Reflex and Lenses
«In ambito ottiche intercambiabili quest’anno abbiamo il lancio più importante è nella fascia avanzata. Parliamo della Eos 7D, che nasce come sviluppo della 5D Mk II. È la prima reflex che include wireless e Gps. Queste due connettività non sono utili solo per la condivisione: grazie alla comunicazione con i dispositivi Android è infatti possibile controllarla diretta­mente dal tablet o dallo smartphone. Ma il concetto più importante legato a questo prodotto è quello della possi­bilità di far evolvere la propria attrezzatura entrando in possesso della fotocamera a formato pieno più leggera di Canon, ed è un’ottima risposta anche per chi teme che la reflex debba essere a tutti i costi una macchina ingombrante. Per noi è importante esserci anche nel segmen­to mirrorless, e vogliamo farlo puntando al massimo del­la qualità e dell’esperienza d’uso: non è da tutti in questo mercato offrire un sensore da reflex nel corpo di una compatta. La nostra Eos M, con il Cmos da 18 Mp, lo fa». ­

Manuel Trotta - Product business developer
«Le macchine compatte, secondo noi, non temo­no la concorrenza degli smartphone. Anzi si pongono come prodotto complementare. Ciò è dettato dall’esigenza di ottenere foto migliori da condi­videre, per generare più traffico e rumore sui social media. Alla base di questa considerazione c’è il fatto che il boom dei cellulari dotati di fotocamera riguarda principalmen­te prodotti di fascia bassa e non premium. In questa fascia c’è insufficienza totale della qualità di immagine, e l’ac­coppiata con una macchina fotografica che ha un prezzo analogo ma che offre molte più prestazioni (tra le qua­li anche la possibilità di connettersi al telefono e con­dividere le immagini scattate) rappresenta la soluzio­ne migliore per questo genere di utenti. A loro ci pro­poniamo con un ventaglio di prodotti: il più iconico è la Powershot N (disponibile a fine aprile), rivolu­zionaria per design, ergonomia e per l’approccio allo scatto, visto che utilizza un touch screen orientabi­le. Lo strumento si interfaccia perfettamente con lo smartphone, per il quale è creato un tasto d’ac­cesso apposito, ma può anche collegarsi diretta­mente alla Rete tramite access point».

 

SONY
Claudia Riboli - senior Product manager Dsc&Dslr
«L’appeal che continuano ad avere le fotocamere compatte rispetto ai device di ultima generazione sta soprattutto nell’opportunità di avere uno zoom ottico, estremamente più preciso e potente di quello digitale usato nei telefonini e negli smartphone. Penso per esempio alla nostra WX300, davvero piccola e leggera, ma equipaggiata con uno zoom ottico 20X. Nell’ambito delle ottiche intercambiabili, oltre alla nostra tecnologia esclusiva Translucent Mirror, seguiamo con sempre più interesse le mirrorless, che crescono anche rispetto alle tradizionali reflex, stabili o in leggera flessione. La Nex è una gamma molto vasta e si estende dalla 3M fino alla 7, che di fatto ha le caratteristiche di una macchina superprofessionale. Non mancano naturalmente le mirrorless dotate di connessione Wi Fi, come le Nex 5 e 6 che si contraddistinguono anche per le PlayMemories camera app, applicazioni scaricabili dal nostro portale e utilizzabili per dare vita a effetti creativi che non si limitano al time laps e al braketing. Siamo partiti con sei applicazioni, ora siamo arrivati a dieci, ma la soluzione è flessibile e in continua espansione».

Panasonic Lumix TZ40
Super zoom 20X con grandangolo 24 mm per questa compatta dotata di ottica Leica. Attraverso il wi-fi, dialoga con lo smartphone per accedere ai social media e con i Tv Viera per proiettare video e immagini in Hd in grande formato.
Samsung Galaxy Camera
Con un display Lcd Hd da 4,8” e un processore quad core da 1,4 Ghz, il gioiello coreano è quasi un mini tablet. Il sensore Cmos da 16,3 Mp e la connettività wi-fi, Bluetooth e Gps permettono il click & share senza mai porre limiti alla creatività.
Fujifilm X20
Con l’aggiunta di una memory card Sd Eye-fi questa nuovissima macchina dal design vintage è in grado di trasferire i file sul computer. Ma i suoi veri punti di forza sono l’accuratezza del sensore e la potenza del processore.