Si chiama Leica M (Typ 262) ed è la nuova fotocamera digitale che rappresenta, sottolinea la stessa Casa tedesca, il Sistema M nella sua forma più essenziale e autentica. Disponibile al prezzo di 5.500 euro – praticamente una entry-level per Leica – la fotocamera impiega un sensore Cmos di pieno formato ad alta risoluzione (24 Mp), ottimizzato per l’utilizzo con tutti gli obiettivi della serie M di Leica, e il processore Maestro, che garantisce velocità nell’acquisizione delle immagini e negli scatti in serie.

Il design della Leica M (Typ 262) è concentrato sull’essenziale. La calotta superiore è realizzata in alluminio di alta qualità che la rende ancora più leggera dei precedenti modelli. Le dimensioni ridotte del logo e la scalinatura all'estremità della calotta richiamano la leggendaria Leica M9. Oltre all'aspetto da “puristi”, anche il suono dell'otturatore quasi impercettibile della Leica M (Typ 262) garantisce la massima discrezione, vantaggio impagabile per le situazioni fotografiche nelle quali è essenziale non farsi notare. La fotocamera inoltre dispone di un sistema di armamento dell'otturatore che nel modo di scatto singolo è molto più silenzioso pur consentendo una frequenza di scatto fino a due fotogrammi al secondo.
Leica M (Typ 262) soddisfa i fotografi più esigenti, in particolare per la velocità nella messa a fuoco manuale e per l’opzione di selezione dei tempi di posa in automatico o in manuale. Inoltre il menu, particolarmente intuitivo, permette di accedere rapidamente alle opzioni d'impostazione. Il bilanciamento del bianco poi si imposta da un pulsante dedicato sul dorso della fotocamera.