Secondo l’ultima analisi dell’International Data Corporation (Idc) sui trend delle vendite di telefonia mobile, la crescita annua delle spedizioni di smartphone a livello mondiale rallenterà al +8,3% nel 2017 e al +6,2% nel 2018. I volumi annuali di smartphone nel 2013 hanno superato per la prima volta un miliardo di unità, rappresentano una crescita del 39,2% rispetto al 2012. Nel 2014 i volumi dovrebbero essere 1,2 miliardi che rappresentano il 19,3% di crescita anno su anno. “Il 2014 sarà un grande anno di transizione per il mercato degli smartphone”, ha dichiarato Ryan Reith, direttore del programma di Idc Worldwide Quartely Mobile Phone Tracker. “Non solo la crescita rallenterà, ma cambieranno le forze che guidano l’adozione di uno smartphone. Nuovi mercati emergenti ci dicono che le caratteristiche premium non saranno più un fattore importante di scelta nelle regioni trainanti la crescita complessiva del settore”. Infatti il prezzo medio di vendita degli smartphone a livello mondiale è stato di 335 dollari nel 2013, e si prevede che scenderà a 260 dollari entro il 2018. Android rimarrà il sistema operativo leader in tutte le previsioni di Idc. Con una forte presenza nei mercati emergenti e con fasce di prezzo abbordabili sia per i fornitori e che per i clienti. iOS rimarrà la piattaforma numero due e avrà il prezzo medio più alto tra le principali piattaforme. Windows Phone è quello che cresce il più veloce tra i principali sistemi operativi degli smartphone, grazie al sostegno costante di Nokia, così come all'arrivo di nove nuovi partner del sistema operativo di Microsoft. La maggior parte di questi nuovi vendor provengono dai mercati emergenti e potrebbero contribuire a portare l'esperienza di Windows Phone per i clienti in quei Paesi.