© GettyImages

Questo Natale potrebbe riservare brutte sorprese per Apple, almeno sul fronte del mercato cinese. Ironia della sorte vuole che il colosso dell’elettronica di consumo, che negli ultimi mesi ha intrapreso una dura battaglia legale (specie contro Samsung) per la licenza di alcuni brevetti sui tablet, è stato dichiarato colpevole di violazione del copyright dal tribunale cinese di Shenzhen.
L’oggetto del contendere sarebbe proprio l’iPad, il tablet di successo che in Cina registra una quota di mercato pari al 74% (dati Analysys International, secondo trimestre 2011). Una piccola azienda cinese, la Proview Electronics, ha registrato infatti il marchio “iPad” in Cina prima di Apple e sta ora cercando di impedire all'azienda fondata e resa celebre da Steve Jobs di vendere il suo tablet in Cina. La Proview – come riassume l’agenzia Ansa – aveva registrato i marchi 'iPad' e 'IPAD' nel 2001. Tra il 2000 e il 2004 Proview registrò poi il marchio iPad in diversi paesi tra cui Cina, Corea del Sud, Messico, Singapore, Indonesia e anche nell'Unione europea. Nel 2010 una filiale della Proview a Taiwan aveva venduto i diritti di marchio, ma anche se Apple ha firmato un contratto per l'acquisto del marchio, il giudice cinese ha ora stabilito che avendolo fatto solo attraverso un ausiliario della Proview e non attraverso la Proview stessa che ha sede a Hong Kong, l'accordo è da considerarsi giuridicamente non vincolante.
Questo cavillo che rischia di trasformarsi in un serio problema per l’azienda di Cupertino, va ad aggiungersi alla ‘sconfitta legale’ che Apple ha dovuto digerire in Australia: l'Alta Corte ha rimosso proprio sotto Natale il divieto di vendita per l’ultimo tablet della Samsung, il Galaxy tab 10.1, oggetto della battaglia legale dei due colossi che riguarda diversi brevetti di smartphone e tablet.