BusinessPeople
| Agosto 2016 |

L’Italia piange, Amatrice distrutta

24 agosto 2016 – Si scava anche con le mani ad Amatrice, piccolo comune in provincia di Rieti, per salvare dalle macerie centinaia – se non migliaia – di persone sepolte vive dopo che nella notte un terremoto di magnitudo 6 ha colpito il centro Italia distruggendo uno dei borghi più belli d’Italia, fino a ieri celebre soprattutto per il sugo all’amatriciana. Colpiti anche i comuni di Accumuli (Lazio) e di Peschiera del Tronto (Ascoli Piceno), dove si segnalano vittime per un bilancio che al momento è di 13 morti, ma è destinato a salire.

Il terremoto verificatosi nella notte è stato forte quasi quanto quello, di magnitudo 6.2, che il 6 aprile 2009 distrusse L'Aquila. Secondo quanto si legge sul sito dell'Ingv, dopo la scossa di magnitudo 6.0, sono oltre 80 le scosse sopra a magnitudo 2.0 che si sono succedute tra Reatino, aquilano, ascolano, perugino.

Nella foto in apertura: Amatrice distrutta, l'immagine dall'alto scattata dai Vigili del Fuoco

Protagonista con Business People - Inviaci le tue foto, le migliori verranno selezionate dalla redazione e pubblicate come Foto del giorno sul nostro sito.
Scrivi a redazionewebbp@e-duesse.it

Copyright © 2020 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media