Urbano Cairo

Prosegue serrata la trattativa tra Telecom Italia e Cairo Communications per l’acquisto di La7. Ma il perfezionamento del contratto potrebbe arrivare non prima di maggio.

Tra i nodi ancora da sciogliere, infatti, il minimo garantito di Telecom a La7, ovvero il budget pubblicitario (15-16 milioni di euro) che il gruppo assicurerebbe alla tv. Che, con il passaggio di proprietà, la società di Franco Bernabè vorrebbe ridurre a circa un terzo.

Altra questione è quella dell’affitto dei multiplex per il digitale terrestre su cui trasmette La7, su cui Urbano Cairo (nella foto) avrebbe chiesto un forte sconto.

Quanto ai dipendenti di La7, l’editore vorrebbe venissero riassorbiti in parte da Telecom, in modo da agevolare il piano di ristrutturazione e di rilancio dell’emittente. E i sindacati, che hanno incontrato ieri i vertici aziendali, minacciano mobilitazioni.

Infine, prima del passaggio di proprietà vero e proprio, TiMedia dovrà notificare la vendita di La7 all’Antitrust e all’Agcom per i necessari nulla osta.

Per quanto riguarda la proposta del gruppo di Francesco Di Stefano (Europa 7), non era stata neppure messa ai voti durante il cda perché era mancata la due diligence.