Carta, bancomat o… smartphone? Si chiama SmartPay ed è la prima carta di pagamento prepagata di Tim, realizzata da Intesa Sanpaolo e Visa Europe, che ha l’obiettivo di dare impulso al pagamento di beni e servizi utilizzando i più diffusi smartphone sul mercato. L’iniziativa si rivolge a circa 31 milioni di utenti che, indipendentemente dalla banca su cui hanno il proprio conto corrente, potranno effettuare transazioni contactless in tutta sicurezza, grazie alle nuove Sim Nfc e attraverso terminali Pos abilitati in Italia (attualmente oltre 200 mila, un numero in rapida crescita) e in Europa (1,8 milioni), ovunque sia esposto il logo Visa.

PAGAMENTI PIÙ VELOCI Grazie alla collaborazione dei tre partner, la Tim SmartPAY, si rende noto in una nota, va ad arricchire il Tim Wallet e potrà essere utilizzata sia per le piccole spese quotidiane sia per gli acquisti di maggior valore. Sarà sufficiente avvicinare il proprio smartphone al terminale Pos abilitato per disporre il pagamento, mentre per spese d’importo superiore ai 25 euro, bisognerà digitare il Pin scelto dal cliente direttamente sul telefonino.

QUANTO COSTA. La Tim SmartPay nella versione base, ha un costo di attivazione di 4,90 euro ed è l’unica carta prepagata senza canone e, se attivata entro il 30 aprile, le operazioni di ricarica sono gratuite per tutto il 2015. Per accedere ai servizi di mobile payment, i clienti Tim dovranno dotarsi di una Sim e di un telefono Nfc presso un qualsiasi negozio Tim e scaricare il Tim Wallet. Il cambio Sim è gratuito e immediato. Una volta scaricato e attivato il TIM Wallet, il cliente potrà scegliere la carta da attivare tra quelle disponibili nella vetrina e monitorare l’installazione della carta sulla sim.

NUOVI SCENARI. Lo sviluppo del Tim Wallet non si limiterà esclusivamente ai pagamenti, presto infatti sarà possibile anche acquistare i biglietti dei mezzi pubblici e della metropolitana e fruire di sconti e offerte personalizzate. Telecom Italia, si precisa nella nota dell’azienda, sta lavorando con aziende di settori chiave come trasporti e retail, società di controllo accessi e buoni pasto, per sfruttare tutte le potenzialità della tecnologia Nfc Sim-based.