Facebook © 2016

Si chiama Open Cellular, si serve di un dispositivo grande come una scatola di scarpe ed è in grado di fornire l’accesso alla Rete su un raggio di 10 chilometri a 1.500 utenti. Sono queste le caratteristiche del progetto che renderàFacebook un operatore delle telecomunicazioni, e permetterà di accedere ad Internet anche dove la connessione non c’è.

PIATTAFORMA DI RETE. Open Cellular è una piattaforma wifi free che fornirà un punto d’appoggio alla creazione di una Rete per le connessioni attraverso il un dispositivo in grado di resistere alle condizioni ambientali più avverse, il tutto grazie a un OS libero gestibile da remoto; così, si permette di costruire in modo semplice ed economico una infrastruttura per la Rete anche nelle aree rurali o poco accessibili, dove gli operatori non agiscono a causa degli alti costi e del mancato riscontro economico. Con questo progetto si fa un passo avanti nell’ultima causa fatta propria da Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, a favore della diffusione di Internet nel mondo.

LA RETE PER CHI NON CE L’HA. Con Open CellularFacebook punta a portare il web ai quattro miliardi di persone che ne sono ancora escluse, con particolare attenzione ai Paesi più poveri. Dopo i test effettuati da Facebook, Open Cellular dovrebbe essere reso disponibileentro l’estate in corso; quest’ultima è solo una delle iniziative di Facebook per facilitare l’accesso al web: a precederla è stata internet.org e Free Basics, che hanno però incontrato alcune difficoltà legali. In India, infatti, la piattaforma è stata bloccata per violazione della neutralità della Rete e, in Egitto, si è scontrata irrimediabilmente con la censura del Governo, dopo che il social aveva negato al Governo del Paese l’accesso ai dati degli iscritti.