Augusto Minzolini

Il Tribunale del Lavoro di Roma ha rigettato il ricorso di Augusto Minzolini per il reintegro nella posizione di direttore del Tg1.

La Rai in una nota esprime «soddisfazione per una sentenza che attesta la correttezza del proprio operato nella complessa ed articolata vicenda» che ha riguardato l’ex direttore del Tg1 e ora senatore. L’azienda si riserva inoltre «ulteriori approfondimenti, appena esaminata la relativa motivazione» della decisione del magistrato del lavoro.

L’ex direttore del Tg1, attualmente in aspettativa con la Rai, si era dichiarato pronto a lasciare il Senato pur di tornare in viale Mazzini come direttore del Tg1. Dopo la decisione dlel Tribunale ha subito annunciato che farà ricorso mentre i suoi legali hanno sottolineato che il mancato reintegro è dovuto al fatto che Minzolini «ricopre attualmente la carica di senatore iscritto al gruppo parlamentale del Pdl e l'appartenenza a un partito non sarebbe garanzia di neutralità, ma - spiegano - questo è un aspetto contestabile dell'ordinanza ai sensi dell'articolo 11, comma 2 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, che precisa che le uniche restrizioni riguardano esclusivamente i membri delle forze armate o delle amministrazioni dello Stato, fattispecie a nostro giudizio non applicabili alla Rai».

L’ex direttore del Tg1 aveva chiesto il reintegro alla direzione della testata, dopo l’assoluzione dall’accusa di peculato per l’utilizzo della carta di credito aziendale, ma la Rai aveva deciso per un reintegro come corrispondente da New York.