Londra

Il vice primo ministro britannico, Nick Clegg, ha dichiarato che il governo inglese rivedrà presto la legislazione sulla diffamazione ora vigente nel Regno Unito, molto severa nei confronti dei querelati e favorevole a chi sporge denuncia. Normativa che, fino ad oggi, ha fatto guadagnare alla Gran Bretagna il soprannome di bengodi del turismo della diffamazione, visto che in molti tra magnati, finanzieri e celebrità pare abbiano preso l’abitudine di scegliere proprio i tribunali del Regno Unito per querelare giornali e riviste che li avrebbero diffamati, piuttosto che rivolgersi ai giudici dei rispettivi Paesi dove gli articoli “incriminati” erano stati pubblicati.