Cinque persone e due settimane di lavoro a -10 °C sul Monte Bianco: tanto è servito per realizzare la foto più grande del mondo. Soggetto il Monte Bianco, ricostruito da un team internazionale guidato dal fotografo italiano Filippo Blengini con 70 mila foto scattate in 35 ore di scatti continui per un totale di 365 gigapixel. «Volevamo fotografare la montagna così come si mostra ai nostri occhi: bellissima, imponente ed entusiasmante. Siamo stati coraggiosi, folli e abbastanza ambiziosi da pensare a una foto giga-panoramica, per descrivere ogni singolo dettaglio della montagna», dice l'ideatore del progetto in2white.

Realizzata nell'autunno-inverno 2014, la foto è stata "scattata" a 3.500 metri di quota con un obiettivo Canon EF 400 mm f2/8 II IS, una macchina fotografica Canon 70D DSLR e un Canon Extender 2X III su un cavalletto robotizzato che ha permesso di realizzare le 70 mila fotografie in tutte le direzioni. Il materiale finale - 46 terabytes - ha richiesto due mesi di lavorazioni. Se venisse stampata a qualità 300 dpi, verrebbe fuori un foglio grande quanto un campo di calcio.

Il record precedente apparteneva a un'immagine presa dalla BT Tower di Londra, di "soli" 320 gigapixel, 45 in meno.