L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha sanzionato Sky con due multe dell’importo complessivo di 380mila euro, per pratica commerciale scorretta. Secondo il Bollettino dell’Antitrust, Sky avrebbe continuato a fatturare ai propri clienti, anche a distanza di mesi, i canoni di abbonamento, nonostante avessero esercitato il diritto di recesso. La tv satellitare avrebbe inoltre applicato penali in caso di mancato pagamento delle fatture successive alle richieste di recesso. L’unico strumento per contattare l’assistenza clienti per avere chiarimenti su tali richieste sarebbe stato, infine, un numero a pagamento.