Corrado Calabrò

Archiviate le elezioni amministrative la battaglia tra Agcom e emittenti televisive per il rispetto della par condicio si sposta sul versante dei Referendum. L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha appena diramato richiamato formalmente la Rai a rispettare le norme sulla par condicio. «Dopo un’interlocuzione con la commissione parlamentare di Vigilanza – l’Agcom – ha ritenuto che la collocazione nei palinsesti dei messaggi autogestiti relativi ai referendum del 12 e 13 giugno, finora attuata dalla Rai, non è conforme ai principi del regolamento della Commissione sulla par condicio referendaria». Il richiamo dell’Autority presieduta da Corrado Calabrò è chiaro, la Rai è tenuta, pena nuove sanzioni, a «incrementare l’informazione sui referendum» e soprattutto a realizzare «una collocazione dei messaggi idonea a garantire l’obiettivo del maggior ascolto, come previsto dalle disposizioni vigenti».