Paolo Romani, ministro dello Sviluppo Economico

Le frequenze più pregiate sono andate. Dopo 322 tornate e 17 giornata di gara si è chiusa la prima parte della gara 4G, quella inerente le frequenze per la banda a 800MHz. Ieri Telecom Italia, Vodafone e Wind se le sono aggiudicate definitivamente, per una cifra totale che sfiora i 3 miliardi, per la precisione 2,962 miliardi di euro. Dei sei, combattutissimi, lotti a 800MHz due sono andati a Wind (che si porta a casa anche il lotto specifico, quello che, confinando con La7, potrebbe interferire con il digitale terrestre), due a Telecom Italia e due a Vodafone. Escluso dai giochi, nonostante l’aggressività dimostrata nei rilanci, H3g Italia. Ma oggi la gara prosegue, sempre presso il Ministero dello Sviluppo Economico, per le altre frequenze, quelle in banda 1800, 2000 e 2600.