Google lancia il Fondo per l'Innovazione nell'ambito della Digital News Initiative, la partnership tra Google e undici tra i principali operatori europei dell’informazione. Il Digital News Innovation Fund, uno dei tre pilastri del progetto, supporterà il giornalismo digitale di alta qualità grazie ai 150 milioni di euro, in tre anni, messi a disposizione da Mountain View per sostenere le proposte più interessanti e innovativi nel campo del giornalismo digitale.

«Il Fondo ha un obiettivo molto ambizioso: dare vita a nuovi modi di pensare», spiega l'annuncio del bando, «che possono avere origine ovunque nell’ecosistema dell’informazione, per dare alle organizzazioni di qualsiasi dimensione la possibilità di provare qualcosa di nuovo. A questo scopo abbiamo stanziato 150 milioni di euro che, nel corso dei prossimi tre anni, saranno resi disponibili sotto forma di finanziamenti a fondo perduto. Ogni anno ci saranno almeno due sessioni nelle quali sarà possibile presentare progetti per il finanziamento. La prima ha inizio oggi e si chiuderà il 4 dicembre. La prossima inizierà nella primavera del 2016; i dettagli verranno annunciati sul sito della Digital News Initiative».

PROGETTI. I progetti - di editori affermati, realtà online, start up, partnership collaborative o singoli individui residenti nei paesi della Ue e Efta - dovranno essere innovativi, proporre nuovi modelli di business o anche presentare nuove possibili abitudini degli utenti. Il carattere dovrà essere sperimentale, ma gli obiettivi ben definiti così come il radicamento nel mondo digitale. E non sarà necessario utilizzare strumenti di Google per ricevere i finanziamenti.

FINANZIAMENTI. I finanziamenti saranno erogati in tre tipologie (il link per fare domanda):

· prototipi: categoria aperta ad organizzazioni e individui che rientrano nei criteri di idoneità e che richiedono un finanziamento fino a 50 mila euro (fino al 100% del progetto). Questi progetti devono essere in fase davvero iniziale, con idee ancora da mettere in pratica e presupposti ancora da dimostrare.

· progetti di medie dimensioni: categoria aperta alle organizzazioni che rientrano nei criteri di idoneità e che richiedono un finanziamento fino a 300 mila euro (fino al 70% del progetto).

- progetti di grandi dimensioni: categoria aperta alle organizzazioni che rientrano nei criteri di idoneità e che richiedono un finanziamento superiore a 300 mila euro. Saranno accettate richieste fino al 70% del costo totale con un limite massimo di 1 milione di euro (con possibili eccezioni per progetti collaborativi internazionali).

LA GIURIA. La prima selezione dei progetti sarà affidata a un Project team formato da professionisti del settore e da membri dello staff di Google, che esamineranno tutte le candidature per valutarle dal punto di vista di idoenità, innovazione e impatto. Il Project team farà raccomandazioni al Council del Fondo per il finanziamento di pPrototipi e progetti di medie dimensioni. Il Council del Fondo avrà il compito di supervisionare il processo di selezione, includerà 13 membri (il tredicesimo verrà annunciato attraverso il sito dell’iniziativa) e voterà i progetti di grandi dimensioni.

I membri del Council:

1. Joao Palmeiro, presidente dell’associazione degli editori portoghese e Chair del Comitato del Council del Dni Innovation Fund.
2. Alexander Asseily, fondatore e Ceo di State , fondatore di Jawbone
3. Arianna Ciccone, co-fondatrice e firettrice del Festival internazionale di giornalismo di Perugia
4. Bartosz Hojka, Ceo di Agora S.A.
5. Katharina Borchert, Managing Director Online, Der Spiegel
6. Veit Dengler, Ceo Neue Zürcher Zeitung
7. Rosalia Lloret, responsabile delle Relazioni istituzionali, Online Publishers’ Association Europe
8. Bruno Patino, preside della Scuola di giornalismo di Sciences-Po
9. Murdoch MacLennan, Ceo del Telegraph Media Group
10. Madhav Chinnappa, Head of Strategic Relations, News and Publishers, Google
11. Torsten Schuppe, Director of Marketing Emea, Google
12. Ronan Harris, Vice President, Google