Nessun cambio nel calendario dello switch off. Il 30 giugno 2012 tutta l’Italia sarà digitale. A ribadirlo il sottosegretario allo Sviluppo Economico Massimo Vari, intervenuto al RadioTv Forum di Aeranti-Corallo in corso a Roma. Forum nel quale la stessa associazione di tv locali Aeranti-Corallo aveva espresso le proprie preoccupazioni per le Regioni che entro il 30 giugno dovranno passare al digitale terrestre. In particolare per la Sicilia, dove le emittenti analogiche sono superiori alle frequenze digitali disponibili e dove, anche se si procederà a intese per la condivisione dei multiplex, molte tv saranno escluse dalle assegnazioni frequenziali. Nella sua relazione d’apertura al RadioTv Forum, il coordinatore Marco Rossignoli aveva quindi chiesto lo slittamento di un mese dello switch-off e auspicato che, da un lato, venissero recuperate ulteriori risorse radioelettriche per il settore televisivo locale e che, dall’altro, venissero favoriti gli accordi tra le emittenti interessate a condividere le reti e i relativi mux per diffondere i rispettivi programmi. Ma la risposta del governo non lascia spazio a dubbi.