Nel pieno delle polemiche per l’ospitalità offerta a Diego Armando Maradona, con tanto di gesto dell’ombrello dell’ex pide de oro nei confronti di Equitalia, Fabio Fazio torna protagonista. Assorel, l’Associazione delle Agenzie di Relazioni Pubbliche, aderente a Confindustria Intellect, ha scelto proprio il condutture tv, nel palinsesto di Rai Tre con Che tempo che fa , come destinatario del “Premio alla Carriera” per la Comunicazione edizione 2013. È la prima volta che il riconoscimento viene assegnato a un conduttore tv, tra i premiati degli scorsi anni ci sono stati Joaquìn Navarro-Valls, Gianni Letta, Emma Bonino, Umberto Veronesi, Luca Cordero di Montezemolo, Ferruccio de Bortoli e Piero Angela.

Nella motivazione, Assorel si sofferma sull’importanza di un approccio comunicazionale che si distingue, con Fazio, per garbo, e che avvicina e coinvolge l’ascoltatore sia quando si tratta di affrontare temi complessi, sia quando sa parlare al grande pubblico valorizzando il ragionamento e la relazione”. Sono queste le motivazioni di fondo per la scelta fatta da Assore, che ha sottolineato in particolare la capacità di fare una comunicazione “non urlata e per forza conflittuale” come è oggi pratica molto diffusa.

Il presidente di Assorel, Beppe Facchetti, non ha voluto eludere le polemiche degli ultimi giorni che anzi, ha dichiarato, “ci hanno rafforzato nella convinzione di aver scelto la persona giusta. Il crollo della raccolta di pubblicità mette a rischio l’editoria e suo tramite la libertà di stampa. Ben vengano dunque – ha concluso Facchetti – professionisti che sanno attrarre e convogliare risorse su trasmissioni intelligenti e tanto più libere quanto più autofinanziate. Tutto il resto è populismo e pauperismo di bassa lega”.

Il Premio verrà consegnato a Milano il 18 novembre.